logo1st1st10st13st20st25st36 


 Itautoweb

banner1


"La tua auto italiana dal 1993 ad oggi" 

134296367564580637695778894m1283130613441574

 

Notizie storia design curiositÓ oggi ieri la tua prova

chi siamo       eco itauto       dizionario       prima pagina       contattaci       confronti       concessionari

 


PRESENTAZIONI 2014


        

Fiat Doblò M.Y. 2015

( Dicembre 2015 )


1923 doblò 15

Dopo l'esordio internazionale della versione commerciale adibita ai professionisti, ecco che fa il suo debutto la monovolume compatta da famiglia in edizione Model Year 2015. Il Doblò, nato nel 2000 e migliorato piacevolmente nel 2005, fu gradito da tutti per la sua robustezza e praticità inavvicinabili da tutte le sue concorrenti. Tali doti con l'edizione del 2010, completamente nuova, non sono state perse, ma sono state accompagnate da una qualità di allestimenti, di materiali e di design particolarmente elevata. Sarà presente presso i saloni Fiat fra un paio di mesi, ma è già possibile prenotarlo. Dopo quattro anni eccolo con un frontale “cattivo” che denota carattere e voglia di viaggiare spedito verso la meta che sia di svago con la famiglia o di trasporto per lavoro. Immancabile ovviamente nella dotazione l'apparato multimediale Uconnect con comandi tattili a schermo, con display a colori da 5 pollici.

 

1923 doblò 15

Materiali piacevoli al tatto e tonalità elegantemente coordinate per rilassare sia nei piccoli tragitti che nei lunghi trasferimenti. Specie se si è in numerosa compagnia, grazie ai cinque comodissimi posti, con ben 790/1050 litri di capacità di carico. Come dire una famiglia con bagaglio al seguito per un mese di vacanza. Oppure anche in sette come ben più grandi e mastodontiche monovolumi. Viaggi comodi e rilassanti, ma non per questo poco divertenti. Grazie anche alle speciali sospensioni Bi-link, uniche in questa categoria di vetture multiuso, si possono affrontare curve e contro curve quasi come se si fosse su di una sportivetta allegra, grazie alla notevole tenuta di strada ed il moderato coricamento laterale. Sicurezza attiva di guida, ma anche passiva, visto che a prescindere dall'allestimento sono sempre previsti in primo equipaggiamento airbag anteriori, sistema ESP e funzione Hill Holder.

 

1923 doblò 15

Ovviamente a rendere spigliata la sua guida sono soprattutto i propulsori, tutti dotati di rispetto ambientale e tecnologica verve, con potenze che spaziano dai 90 sino ai 135 cavalli, attraverso tre alimentazioni, benzina, diesel e l'immancabile metano, tanto caro al Doblò sin dalla sua primissima edizione. Per i benzina si parte dal collaudato e regolare 1.4i 16v da 95cv per passare al grintoso sovralimentato 1.4i Tjet 120cv. Questo propulsore è disponibile anche per la versione a metano Natral Power, capace quindi di spingere il compatto monovolume con forza facendo al tempo stesso registrare costi di gestione veramente irrisori. Immancabili i diesel. Si inizia dal gradevole e parsimonioso 1.6 Mjet 90cv, abbinabile anche al cambio robotizzato, per salire alla sua declinazione da 105cv, sino a giungere al potente 2.0 Mjet 135cv. Costruito come sempre negli stabilimenti Fiat siti in Turchia, è commercializzato in 29 paesi dell'area EMEA e vi è la possibilità di avere un Doblò a misura di esigenza. Nutrita batteria di motori, 3 allestimenti, dal più pratico Pop, al medio e sbarazzino Easy, sino al completo e rifinito Lounge. Ben due possibilità di passo e lunghezza totale e allo stesso tempo si ha la eventualità di avere anche due altezze di tetto. Undici le tinte esterne incrociabili con cinque tipologie di abitacoli. Un Doblò che non rinnega se stesso, come dimostra un volume di carico che passa da un minimo di 790 litri sino ad un massimo di 4000 litri ma si affina, diviene più grintoso esteticamente e più raffinato nel suo accogliente abitacolo. Competitivi i prezzi che spaziano dai 18.200 euro per la versione di attacco Pop spinta dal benzina 1.4i 95 cavalli, sino a raggiungere i 25.900 euro per la potente e ricca diesel 2.0 Mjet 135cv Lounge. Se la volete ancor più personalizzata tramite il brand Mopar, si hanno più di un centinaio di optional particolari concepiti esclusivamente per il Doblò MY 2015, come speciali cerchi in lega, porta targa e specchietti retrovisori cromati.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

Abarth 695 Biposto: in prova a Varano

( Dicembre 2014 )


695 biposto

A marzo debuttava al Salone elvetico e questa estate è stata la madrina della sedicesima spettacolare edizione della “Gumball 3000”. L'iconica Scorpioncina, quella che incarna più di tutte l'essenza del Mondo Abarth, è la prima auto da corsa e da pista di serie acquistabile da chiunque e da utilizzare su strada liberamente. Con il suo stile italiano, il cattivo 1.4 sovralimentato a benzina sprigiona la bellezza di 190 cavalli, che abbinati al peso di un soffio sotto la tonnellata, le garantiscono un rapporto peso potenza di 5,2 Kg per cavallo, ovvero da record nella sua categoria. Il tutto si traduce in prestazioni da vera sportiva di razza, con una velocità di punta di 230 Km/h ed uno scatto sullo 0-100km/h di appena 5,9 secondi. Questo inizio mese è stata in pista a Varano dé Melegari ( Parma ), mettendo in luce tutte le sue qualità corsaiole alla portata anche di un guidatore medio. Tenuta di strada eccellente ed emozioni assicurate dove solo le leggi della fisica le fanno superare i limiti. Quale occasione migliori di cordoli e traguardo per la sua presentazione e prova ufficiale alla stampa? Il prezzo è di un soffio sotto i 40.000 euro. Tanti o pochi non sta a noi giudicarlo. Certo se si pensa di essere dal macellaio e di comprare tot merce al chilo, visto la leggerezza della vettura in questione, è una cifra considerevole. Si possono acquistare quattro Fiat Panda base o addirittura un'ammiragliona come la Lancia Thema. Ma le emozioni si possono mettere sulla bilancia? E quelle elargite dalla Biposto Abarth, non sono assolutamente diverse da quelle profuse dalle supercar da 100, 200 o 300 mila e passa euro. Quindi … sta al cuore e alla propria possibilità dare una risposta. Noi diciamo che parcheggiare nel proprio box la “695 Biposto” è come avere una vera vettura da corsa a disposizione quando quel giorno hai lo spirito giusto. Quel che è importante è sempre la sicurezza per se e per se stesso ed il rispetto degli altri anche attraverso il codice della strada, anche se i 100 orari qui li raggiungi con la velocità del pensiero.

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FIAT 500x due mesi in tour per le piazze

( Novembre 2014 )


1946 500x

Prima la presentazione al Salone di Parigi, poi il lancio di due preserie via web per accontentare gli impazienti, ed ora, da questo fine settimana del 22 novembre sino alle porte di febbraio dell'anno prossimo, l'affascinante 500x girerà diverse piazze italiane per farsi ammirare e toccare con mano presso il suo pubblico più affezionato. Insieme alle piazze di sei città italiche vi saranno delle anteprime presso ben 170 concessionarie nazionali, in attesa del vero primo “porte aperte” per il suo debutto commerciale ufficiale. Proprio da questo venerdì 21 novembre presso Piazza Crispi in terra siciliana, ( Palermo ), avverrà la prima tappa del tour “The Power of X”. Da inizio settimana prossima a scaglioni i saloni di Sardegna, Marche, Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna, saranno a disposizione del pubblico per far conoscere questo nuovo prodotto Fiat che non abbiamo dubbi conquisterà i cuori di mezzo mondo. Oltre al consueto contatto fisico con la vettura presente sulla rampa di lancio della boutique Fiat, vi sarà una coinvolgente integrazione virtuale con la “500x” che sarà possibile proseguire una volta tornati a casa. Per informazioni sul tour della bella suv compatta italiana, basta collegarsi allo specifico sito www.500x.fiat500.com, dovre si avrà già la possibilità di prenotare un'entrata preferenziale al proprio salone più vicino o più affine, o farsi redigere un preventivo, farsi spedire una brochure ed anche delle newsletter per tenersi sempre aggiornati.

 

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 500x Web Edition

( Novembre 2014 )


1930 500x

Verso metà febbraio i diversi saloni Fiat europei e quindi anche italiani, apriranno le loro porte nei fine settimana per far conoscere direttamente e perciò toccare con mano e guidare la bellissima suv compatta “500x”. Tre mesi di attesa che probabilmente non tutti sono disposti ad accettare. Della “500x Opening Edition” da una settimana ordinabile a pacchetto chiuso in solo 2000 esemplari, già un quarto è stato venduto, nonostante un prezzo medio alto per via di una dotazione a dir poco completa. Sappiamo che la Fiat 500x avrà a febbraio un prezzo di attacco molto alettante. Per la versione a sole due ruote motrici in allestimento Pop e spinta da un classico e robusto benzina a quattro cilindri 1.6i 16v da 110 cavalli il listino reciterà 17.500 euro. Se proprio non potete e non volete aspettare di parcheggiare a casa vostra il nuovo gioiellino made in Italy, ma allo stesso tempo di 22 e 30 mila euro non ve la sentite di privarvene ( sono i prezzi della limitata Opening Edition ), la Fiat ha pensato a voi. Sempre solo 2000 pezzi per questa “500x Web Edition” spinta dal 1.6i 16v che si caratterizza per un prezzo da favola. Appena 17.250 euro. Considerando la buonissima dotazione di serie che prevede tutto il necessario e anche del superfluo per i propri viaggi in piena sicurezza e comfort è un vero regalo per gli appassionati. Climatizzatore, radio U-Connect con comandi al volante, fendinebbia, Fiat Mood Selector, cerchi in lega neri da 17 pollici e le calotte degli specchietti retrovisori esterni nere per un'affascinante vettura che è anche bella da guardare come una scultura e dal prezzo vantaggiosissimo. La concorrenza diretta offre auto certamente meno attraenti a prezzi che si aggirano dai 2 mila ai 10 mila euro in più.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FIAT 500x Opening Edition

( Ottobre 2014 )

 

1930 500x

Dopo le altre della famiglia 500 in edizione a tiratura limitata, anche la nuova prestigiosa “x” si presenta ancor più esclusiva in questa veste “Opening Edition” per i primi 2000 clienti che non desiderano attendere i primissimi mesi del imminente nuovo anno. Ordinabile via on line tramite l’apposito sito www.500x.fiat500.com la “O.E.” è una full optional disponibile in due anime e due tinte di carrozzeria. La chiara in grigio è la più borghese e tranquilla compatta rialzata tutta comfort e morbidezza, mentre la seconda scelta in rosso tristrato è una vera avventurosa senza perdere nulla in termini di comodità di guida. Non per tutti, ma solo per noi italiani e i più prossimi vicini di casa, come Germania, Svizzera, Francia e Spagna.  Sono tre le scelte propulsive e due di trazione.

 

 

1935 500x-cross

 

In abito grigio chiaro le due trazioni anteriori spinte dal benzina sovralimentato 1.4i MultiAir 140cv e dal diesel 1.6 Multijet 120cv. In rosso la 4x4 mossa dal corposo diesel 2 litri da 140cv. Per le due 2wd in primo equipaggiamento troviamo: climatizzatore automatico, i cerchi in lega da 18",  il "Pack Safety"  che include tutti i sistemi di sicurezza attiva (sistema anticollisione, ausilio durante i cambi di corsia per ovviare agli angoli ciechi, avviso di uscita dalla corsia, telecamera posteriore per retromarcia), il  "Pack Comfort" per garantire la massima comodità a bordo (bracciolo anteriore e regolazione lombare elettrica), oltre al sistema keyless entry & keyless go, ai vetri posteriori oscurati e l'esclusivo badge che caratterizza l'Opening Edition. Ancor più completa ed esclusiva la dotazione della integrale rossa, che prevede di serie oltre a quello già visto sulle trazioni anteriori, la speciale verniciatura  Tristrato Rosso Amore, il "Pack Navi" (Uconnect 3D Nav 6.5" con presa usb supplementare nel vano del bracciolo anteriore), interni in pelle bicolore rosso e nero, "Pack Visibility" dotato di sensori pioggia e crepuscolare,  specchietti ripiegabili elettricamente, specchietto retrovisore interno elettrocromico,  comandi cambio al volante, per finire all’esclusivo cambio automatico a 9 rapporti, unico nella sua categoria. Considerando il livello qualitativo, tecnologico e di spessore della nuova cinque porte, anche i prezzi sono competitivi, considerando i 21.900 euro necessari per la 140 cavalli a benzina a trazione anteriore e i 30.650 euro occorrenti per la top di gamma 4x4.

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alfa Giulietta Sprint da 25.900 a 31.200 euro

( Ottobre 2014 )

 

1937 giulietta sprint

In questo fine settimana di metà ottobre, la recente novità della casa del Biscione, che si è presentata al mondo in occasione del Salone parigino, ha fatto il suo debutto fisicamente presso gli autosaloni per farsi ammirare e guidare dal pubblico, in questa sua inedita e sportivissima edizione “Sprint”. Riprendendo lo spirito giovanile e sbarazzino che contraddistingueva la mitica Giulietta Sprint coupè degli anni sessanta, l’odierna compatta media concede lo spirito sportivo della casa ad un vasto pubblico, mantenendo inalterata la qualità e le prestazioni, fascino e piacere di guida, il tutto ad un prezzo molto competitivo. Rispetto a quanto visto già in Francia, ora sappiamo i prezzi al pubblico. Meno di 26.000 euro per una dotazione completissima ed una qualità ai vertici del proprio segmento senza nulla togliere ad un vero cuore sportivo.

 

1937 giulietta sprint

Ottimo infatti il nuovo benzina 1.4i Turbo MultiAir da 150 cavalli, in grado di far raggiungere i 210 km/h alla due volumi e con scatti da vera grintosa, come dimostrano i soli 8,2 secondi sullo 0-100 km/h. Comfort e prestazioni? Ma i consumi? Bassi, molto bassi se non si chiede tutto al quattro cilindri, visti gli appena 5,7 litri per 100km nel ciclo combinato di omologazione. Una vera gamma Sprint, infatti non poteva mancare il più potente 170 cavali a benzina abbinato allo sportivo automatico a doppia frizione TCT, il morbido ed economico diesel 1.6 Jtdm 105cv, il performante 2.0 Jtdm 150cv e la sua versione ancor più grintosa da 175cv con TCT. Immancabile l’ecologico, brillante e risparmioso 1.4i Turbo 120cv a doppia alimentazione benzina-gpl. Particolare anche la formula di acquisto, con “Liberamente Alfa”, che prevede rate a partire da 189 euro mensili per tre anni, al termine dei quali il cliente è libero di scegliere se riconsegnare al concessionario la vettura, saldarla riscattandola, oppure sostituirla con una nuova.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 500 Couture

( Settembre 2014 )

 

500 Couture

Ebbe inizio con la mitica ed elegantissima piccola degli anni ottanta – novanta Autobianchi Y10, la voglia di personalizzare e rendere unica la propria vettura. Ve la ricordate la versione “Mia”? Quella che aveva la possibilità di imprimere delle grafiche colorate specifiche sul portellone posteriore verticale? Ecco un’altra icona delle city italiane, il biglietto da visita dell’automobilistico italiano qual’è la Fiat 500, estende a 360 gradi il concetto. Alle porte del Salone di Parigi che aprirà fra tre giorni, durante la serata della moda nella stessa capitale francese, il brand torinese ha presentato la sua collezione “500 Couture”, dalla quale prende vita la “500 Ron Arald Edition”. L’artigianalità italiana famoso in tutto il mondo si fonde con l’industria, creando un lavoro sartoriale personalizzato sulla carrozzeria della 500.

 

500 Couture

Per coloro che vivono l’auto non solo come strumento quotidiano,ma con passione e come estensione della propria personalità, la “500 Ra.. Edition” viene loro incontro, disegnando una carrozzeria secondo i singoli desideri e gusti. Ron Arad, designer riconosciuto in tutto il mondo, ha reso ancor più speciale la piccola tre porte che già di per sé è una automobile che si distingue su tutte le altre, attraverso proprio a questa lavorazione artigianale degli esterni. Non solo estetica ovviamente, ma una ricchissima dotazione di bordo contraddistingue la speciale e personalizzata “500 R.a. Edition”, come si evince dalla presenza in primo equipaggiamento di include  tetto in cristallo, dettagli cromati, ambiente interno nero, sedili rivesti in preziosa pelle Poltrona Frau di colore nero con rifiniture color avorio, quadro strumenti TFT da 7", Blue&Me, volante in pelle con comandi radio, climatizzatore automatico, fendinebbia, cerchi in lega da 16", vernice metallizzata. In questa versione con vernice nera e richiami estetici della prima “500 degli anni Cinquanta”, non sarà un semplice studio estetico, ma un pezzo da collezione in vendita in Europa nel mese di novembre. Sarà speciale in tutto, visto che la concessionaria ve la porterà a casa con in omaggio un suo modellino in scala 1:18 che ne ricalca esattamente il design esterno. Diverse interpretazioni della mitica e ineguagliabile Fiat 500.

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat Doblò  Furgone 2014

( Settembre 2014 )


1923 doblò 14

In questi ultimi giorni settembrini, in occasione del Salone Internazionale di Hannover, giunto alla sua 65edizione, viene presentato il restyling del furgone Fiat di categoria medio-piccolo, ovvero l'edizione 2014 del Doblò, che sin dal suo esordio nella primissima variante di inizio millennio, ha conquistato clienti in tutta Europa. Il salone è l'evento continentale più importante per quel che concerne i veicoli commerciali. Fiat è leader nel settore, partendo dalle versioni van delle sue automobili come Panda, Punto e Bravo, e su su sino ai mezzi pesanti. Il Doblò si inserisce tra il cittadino Fiorino con portata attorno ai 500-600 kg, ed il medio Scudo con portata utile dagli 800 ai 1200kg. Nato sin dal suo esordio come veicolo commerciale ma comodo, è concepito per offrire praticità, versatilità ai vertici della categoria, divenendo il punto di riferimento, ma allo stesso tempo con comfort adeguato per coloro che fanno del proprio veicolo commerciale un ufficio viaggiante con magazzino sul retro.

 

1923 doblò 14

Esternamente è immediatamente riconoscibile per l'inedito design, che dal simpatico ranocchietto si è mutato in un piccolo Ducato dallo sguardo deciso e grintoso. All'interno la già pregevole plancia, degna di un auto di classe media si affina, migliorandone ulteriormente l'ergonomia. Pregevole la possibilità di avere i tre posti anteriori, con una panchetta affiancata al sedile del conducente che può quindi ospitare discretamente due persone. Perfezionamenti anche sul versante tecnico con una coppia migliorata del 40% che si abbina alla perfezione alle sospensioni bi-link che regalano al robusto e simpatico Doblò una guida divertente, spigliata e sicura, decisamente contro corrente rispetto a quello che ti aspetteresti da un tranquillo veicolo commerciale.

 

1923 doblò 14

Oltre ai consueti ed ottimi 1.3 Multijet 75cv, 1.6 Multijet da 90cv, 2.0 Multijet 135cv, 1.4 Tjet Natutal Power 120cv, interessante è l'introduzione in gamma della nuova versione “1.3 Multijet 90cv EcoJet” mirata ad ottenere il massimo in termini di rispetto dell'ambiente e allo stesso tempo abbattimento dei costi di gestione e di consumo quotidiano. Presentata ora, sarà disponibile presso le concessionarie ad inizio 2015, in tutte le sue configurazioni di carrozzeria, con passo normale e lungo o tetto normale e alto, per una combinazione totale di quasi 200 scocche e più di 1000 configurazioni di Doblò. Una per ogni cliente ed esigenza lavorativa.

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat Panda Cross, inizia l’avventura

( Luglio 2014 )


1905 panda cross

Finalmente è disponibile al grande pubblico e l'avventurosa Pandona si potrà parcheggiare nel proprio box ad un prezzo di 19.460 euro. Tanti? Pochi? Se la si considera come semplice city car, senza dubbio sono un esborso importante, ma le sue doti stilistiche e tecniche sono da suv importante, solo in scala ridotta. E come tale rimanere sotto i 20.000 euro la rendono la 4x4 per tutti i terreni, capace di muoversi agevolmente su ogni strada, più a buon mercato a livello continentale. Presentata quattro mesi fa durante la rassegna svizzera, prende il testimone della versione specialistica della Panda 4x4 edizione 2003. Le caratteristiche estetiche seguono la medesima filosofia, attraverso gli accorgimenti tanto rustici quanto funzionali e protettivi sulla carrozzeria, comprese le protezioni sottoscocca. Aggressiva la nuova fanaleria anteriore sdoppiata che si integra alla perfezione con il nuovo bellicoso frontale. Anche i cerchi in lega sono inediti, così come anche i rivestimenti interni, specifici ed adatti ad un uso anche gravoso. Ma non la si deve pensare come ad un mezzo anfibio spartano, tutt'altro. Diviene la nuova ammiraglia della famiglia Panda. Le sue proverbiali doti di agilità sono immutate, così come le straordinarie capacità di accogliere confortevolmente quattro persone più eventualmente una quinta, in un corpo vettura di poco superiore ai 3,70 metri. A spingerla sono i due propulsori più moderni, brillanti, ecologici e parsimoniosi della produzione del brand. Il robustissimo diesel 1.3 Mjet da 80 cavalli con ben 190 Nm di coppia ed il vivacissimo bicilindrico benzina 0.9 TwinAir da 90 cavalli e 145 Nm di coppia. Proprio il piccolo benzina stupisce per le sue prestazioni, con una velocità massima di poco inferiore ai 170 orari ed uno scatto sul 0-100 km/h in appena 12 secondi, il tutto con un consumo medio dichiarato di soli 4,9 litri per 100 km. Meno scattosa, ma comunque brillante anche la diesel ( 160 km/h la velocità e scatto sullo 0-100 km/h in 14,3 secondi ), ma ancora più morigerata con appena 4,7 litri ogni 100 km dichiarati. Così come avveniva sulla Panda 2003, la Cross, rispetto alle più tradizionali 4x4, si distingue non solo per accorgimenti estetici, ma per una messa appunto specialistica per il fuoristrada anche piuttosto impegnativo.

 

1905 panda cross

Aumentata la luce da terra differente però tra benzina e diesel ( 161 mm per la prima e 158 mm per la seconda ), con benefici riflessi sugli angoli di attacco ( 24° ) e di uscita ( 34° ). Al classico sistema elettronico di trazione integrale Torque on Demand, è stato abbinato uno specifico cambio manuale a 6 rapporti dove la prima marcia è cortissima per svolgere quasi il ruolo di ridotta. Ancor più SUV, ma sempre cittadina, inarrestabile sulle impervie strade di montagna, ma gradevolissima anche per andare a prendere i figli a scuola. Una miscela praticamente unica. I diversi ausili elettronici, in particolare la trasmissione automatica della trazione, entrano in funzione senza l'intervento del conducente, permettendo anche ai neofiti del off-road, di avventurarsi in tracciati di media difficoltà. Non a caso sono le tre modalità di utilizzo del sistema “Terrain Control”. Il più immediato e semplice è la funzione appunto AUTO, che vigila costantemente sulle condizioni stradali e ripartisce simultaneamente la trazione in proporzione adeguata sull'asse che più ne necessita. La funzione LOCK, prevede l'utilizzo ottimale in fuoristrada con una ripartizione della coppia tra le quattro ruote frenando le ruote che perdono aderenza (o slittano più delle altre), trasferendo così la forza motrice su quelle che hanno maggior presa sul terreno. Ancor più tecnica e specialistica la modalità HILL DESCENT che gestisce in maniera ottimale la potenza alle ruote, quindi la trazione, in condizioni di fori pendenze o tracciati sconnessi. Questa tecnica maggiormente evoluta rispetto alla sua cuginetta più borghese “4x4”, traspare immediatamente dal vestito maggiormente boscaiolo. Distintivi i tessuti dei sedili, così come le specifiche rifiniture sulla plancia. Il tutto accordandosi a meraviglia con l'eleganza della pelle della corona del volante e del cambio. Dotazione ricca, visto che anche il climatizzatore automatico bizona, radio CD/MP3 con sistema Blue&MeTM con comandi al volante, cerchi in lega specifici da 15", retrovisori elettrici, sedile guida regolabile in altezza e pneumatici 185/65R15 di tipo 'All Seasons', sono previsti in primo equipaggiamento.

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maserati Quattroporte allarga la famiglia

( Luglio 2014 )


1867- maserati quattroporte 2013

Tra questa primavera e questo inizio di estate, l'affascinante regina di tutte le ammiraglie, ha allargato i suoi orizzonti, proponendosi ad una ancor più ampia schiera di clientela, senza perdere nulla in termini di prestigio e piacere di guida, in assoluto entrambi inarrivabili per la concorrenza. A marzo, per la prima volta nella sua storia pluridecennale, la grande Quattroporte adotta un propulsore diesel, lo stesso che già fa correre la più agili Ghibli. Con un prezzo sotto la soglia dei centomila euro diviene la versione di accesso, ma le prestazioni sono di primissimo livello, visti i 250 orari di punta velocistica massima e soprattutto uno scatto rabbioso da felino visti i soli 6,4 secondi necessari per raggiungere i 100 km/h partendo da fermi. Come sulla Ghibli, oltre tutto, il sound del 6 cilindri a gasolio è stato appositamente studiato rendendolo raucamente cupo come se fosse un grosso 8 cilindri a benzina.

 

1867- maserati quattroporte 2013

Qui i consumi, decisamente bassi considerando le masse e le performance in gioco, si traducono, più che in notevoli risparmi alla pompa, che per altro vi sono, in grandi autonomie per i lunghi trasferimenti. Entrata invece in questi giorni in listino la versione a due ruote motrici della più piccola delle benzina. L'ottimo 6 cilindri, 3 litri sovralimentato, capace con i suoi oltre 400 cavalli di spingere la lussuosa berlinona come una vera gran turismo ad alte prestazioni, è nella sua edizione a trazione posteriore, logica evoluzione derivata dalla integrale Q4. Perde un paio di decimi di secondo sullo scatto che rimane comunque invidiabile, visti gli appena 5,1 secondi per il classico 0-100 e guadagna due km/h come punta massima in velocità. Anche in termini di consumo medio la mancanza degli organi di doppia trazione è di beneficio. Le sue maggiori concorrenti le troviamo dunque nelle Audi A8 3.0 TDI quattro vicina ai 93.000 euro, la 740i Eletta a 90.000 euro, la 730Ld Eccelsa a quasi 109.000 euro, Jaguar XJ LWB 3.0 V6 Premum Luxury a quasi 95.000 euro, la XJ LWB 3.0D Portfolio a quasi 102.000 euro, Range Rover LWB 3.0 TD Vogue a più di 110.000 euro, Mercedes S Lunga 400 Hybrid Maximum a 112.000 euro, Mercedes S Lunga 350 BlueTec Maximum a quasi 107.000 euro, Porsche Panamera 3.0S a più di 108.000 euro, Porsche Panamera 3.0 Diesel a più di 91.000 euro. Rispetto a queste blasonate sfidanti, la nostra Maserati, oltre ad avere un prestigio notevole ed una qualità di guida impareggiabile, con i suoi 107.279 euro della benzina e i 98.373 euro della diesel, risulta anche perfettamente allineata e talvolta anche più conveniente. Ma volete mettere avere il “Tridente” sul cofano?

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abarth 500 MY 2014

( Giugno 2014 )


1917 c turismo '14

E' finalmente disponibile la nuova gamma della prestigiosa ed elettrizzante 500 firmata Abarth. Il Model Year 2014 si basa fondamentalmente su tre linee caratteriali; “Custom” / “Turismo” / “Competizione”. Si può optare per il classico cambio manuale oppure il veloce elettroattuato con palette dietro il volante. Sportivissimo ed efficace il nuovissimo schermo strumentale dinanzi al pilota con tecnologia TFT. Il suo display da 7 pollici digitale multicolore pare preso in prestito dai videogames automobilistici, ma oltre ad essere attraente è ergonomicamente eccellente, permettendo di avere notizie sul comportamente della propria vettura in modo chiaro e riposante. In questa edizione '14 troviamo 4 nuovi colori e 3 bicolori che sulla 500 si esaltano ancor di più con l'inedito cerchio in lega in gusto retrò, che si affianca agli altri cinque cerchi disponibili. Novità tecnologica e di stile, il tutto a partire da 18.600 euro della 595 Abarth Custom. Prestazioni in piena sicurezza con il sistema di trasferimento della coppia motrice TTC, che regola la coppia sulla ruota con più aderenza senza mortificare la guida sportiva. Il propulsore base rimane il 1.4 Turbo Jet 16v capace di 135 cavalli nella tre porte e 5 cavalli in più nella cabriolet. Sulle “595 Custom” si lascia libero sfogo di personalizzazione al cliente sia in termini di stile, che di performance motoristica e assetto. La “595 Turismo” è concepita per il cliente più raffinato e di classe che esige non solo prestazioni al vertice, ma anche l'eleganza di una berlinetta di prestigio.

 

i589 c turismo '14

Bellissimi gli interni in pelle cuoio abbinati cromaticamente alle tinte esterne Con questa linea sartoriale ci si ritaglia una vera Gran Turismo, con le dimensioni di una city car. Di gusto ben più pepato sono le “595 Competizione” dove tutto è orientato per appagare il pilota più esigente e sportivo. Immancabili gli affinamenti su motore e assetto per regalare ancora più tenuta di strada e più performance, ma sono i dettagli come la marmitta Record Monza o gli avvolgenti sedili Abarth Corse by Sabelt a fare la vera differenza. Ti cali a bordo e metti in moto e anche da fermi sembra di essere su di una vettura da vera “competizione”. Più che il profumo della pelle qui sono i dettagli in metallo e simil metallo a prevalere esaltando lo spirito più tecnico e meccanico della piccola Scorpiona. Rispetto alla Castom, in questi due mirati allestimenti, il classico sovralimentato guadagna in potenza raggiungendo i 160 cavalli, in grado di far superare alla “595” i 210 Km/h di velocità massima e di raggiungere i 100 km/h con partenza da fermi in soli 7,4 secondi. Il tutto senza perdere di vista l'impatto ambientale ed il risparmio, visti i soli 6,5 litri necessari per il classico100km nel ciclo combinato. Andare veloci vedendoci bene, visto i fari allo Xenon con adattamento anabaggliante. Una 500 Abarth ancor più speciale è ora ordinabile anche dal proprio autosalone di fiducia. E' la specialissima “695 biposto”, una vera auto da corsa omologata per uso stradale. Scordatevi ogni forma di comfort ma assaporate ogni metro di sportività. Con il suo potente 1.4 T-Jet in grado di raggiungere i 190 cavalli, abbinati ad un peso di soli 997kg, lo scatto è da vera corsaiola con i suoi 5,9 secondi per raggiungere i 100km/h partendo da fermi. Ovviamente tutta la vettura è stata rivoltata come un guanto per garantire il massimo piacere tra le curve in totale sicurezza, dai freni Brembo potenziati, all'intercooler frontale più ampio in grado di tenere raffreddare il poderoso cuore.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lancia Ypsilon Elefantino collezione 2014

( Giugno 2014 )


1910 ypsilon elefantino '14

Abbiamo già visto, in occasione del Salone svizzero la nuova gamma della sciccosa piccola Lancia a cinque porte. Da questo mese le versioni più eclettiche, ovvero le “Elefantino”, aumentano le possibilità di scelta. La collezione Elefantino 2014 si arricchisce di 6 nuovi pacchetti, ovvero due per ciascuno delle tre tinte di partenza. Sul montante laterale e sui copriruota si trovano le effigi in 'Camouflage' sulla variante Lime, in 'Animalier' sulla Watermelon e 'Pois' sulla Coconut. Ulteriore personalizzazione è possibile ottenerla attraverso il “Colour Touch” che si orienta verso le colorazioni delle calotte degli specchietti retrovisori ed i copriruota tinteggiati in giallo Lime, in rosso Watermelon oppure in bianco Cocount. Ancora più faschion con ancora più contenuti, ma allo stesso prezzo della primavera scorsa e con speciali finanziamenti a tasso zero. Ypsilon punta molto sulla famiglia “Elefantino”, dato che da sola rappresenta più del 45% dei clienti della bella ed elegante cittadina. Un risultato di rilievo dato che è la terza auto più venduta nel nostro paese e la prima nel suo segmento “B” di appartenenza. Il segreto è, come è sempre stato delle piccole Lancia, potersi ritagliare la propria vettura come un abito di alta sartoria, rispecchiando fedelmente la nostra personalità. I dettagli fanno la differenza e creano una combinazione praticamente illimitata per rendere unica la propria Ypsilon.

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maserati MC Centennial Edition

( Maggio 2014 )


1922 gran cabrio mc centenario

2014, anno di record di vendite per la Maserati? Può essere, viste le grandi richieste a livello mondiale dei nuovi modelli berlina Quattroporte e soprattutto Ghibli, ma è anche l'anno del centenario. Un secolo di storia per una delle case automobilistiche più leggendarie e famose del pianeta. Un secolo che viene festeggiato con due versioni speciali delle sue GT, la coupé Granturismo e la sua omologa aperta Grancabrio. Presentate al recente salone asiatico, le “MC Centennial Edition” saranno presso i saloni di vendita fra un paio di mesi. A distinguere queste versioni celebrative da quelle normali, saranno specialmente le due tinte speciali e Rosso Magma e Inchiostro Blu, non obbligatorie, capaci, entrambe a valorizzare ancor meglio le sinuose curve della splendida linea, rimarcando ogni sfumatura di elegante potenza.

 

1921 gt mc centenario

Non sono un vezzo la scelta del rosso ed il blu, ma un diretto omaggio ai classici colori del logo del Tridente e della città che la ospita, ovvero Bologna. Tali scelte cromatiche vengono riprese sapientemente nella cura della pelle degli interni. Inedito il design dei cerchi in lega, anch'essi quindi pezzi unici per la “centenaria”, al pari di alcuni altri dettagli come parte dei sedili stessi o i battitacco in fibra di carbonio. Nessuna alterazione sulle performance derivanti dal poderoso 4.7 V8 a benzina che con i suoi 460 cavalli fa scattare le due GT da 0-100Km/h sotto i 5 secondi e toccare punte velocistiche prossime ai 300 orari.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alfa Giulietta Riders

( Aprile 2014 )


1880 giulietta '14

Per molti il sapore delle pieghe in curva di una moto sportiva, sono impagabili, e proprio per loro, è nata la Giulietta Riders. Quale sponsor migliore del pluricampione spagnolo Jorge Lorenzo, dunque, che egli stesso ne ha sottolineato oltre le grandi doti di comfort e di macinatrice di chilometri, lo spirito sportivo nel piacere di guida, specie con i giusti settaggi del DNA. Non è un caso che il brand milanese, rinomato in tutto il mondo per le sue quattro ruote emozionanti, ma possibili, sia da anni Top Sponsor e Safety /Official Car del Mondiale Superbike. Da quest'anno, le Giulietta e Mito Quadrifoglio Verde, faranno da Safety Car damigelle, alla esclusivissima 4C. In Giulietta Riders, il piacere di guida si sposa con convenienza, tecnologia e completezza, visto che nella dotazione di serie troviamo, oltre ai consueti esp, climatizzatore e una nutrita batteria di air-bag, anche Uconnect Nav con touch-screen da 6,5" integrato in plancia, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, fari bi-xenon adattivi, lavafari telescopici, fendinebbia e cerchi in lega da 16 pollici. Un rapporto qualità prezzo notevole. Basti confrontare infatti lo stesso modello in allestimento di entrata “Progression”. A pari motorizzazione il “Riders” ha un prezzo di listino si superiore di 1.450€, ma offre accessori in più per un controvalore di circa 3.500€. Non c'è concorrente che la possa uguagliare in convenienza, oltre che in piacere di guida, ovviamente, ma questa sfumatura su qualunque Alfa Romeo, la si dà per scontata. Il “Riders” è abbinabile a tre propulsori brillanti, ma al tempo stesso attenti alle economie di esercizio. Si parte con il benzina sovralimentato, scattante, ma docile, ovvero il “1.4 TB 120cv” al prezzo di 23.650€. La sua evoluzione bifuel “1.4 TB GPL 120cv” si propone a 25.900€. Immancabile, per i macinatori di chilometri, il diesel che qui è nell'edizione “1.6 Mjet 105cv” al prezzo di 25.350€. Questo fine settimana, del 12 e 13 aprile i saloni Alfa Romeo saranno aperti per ogni ragguaglio e prova su strada.

  

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alfa Romeo Giulietta 2.0 JTDm 175cv TCT 2014

( Febbraio 2014 )


1880 giulietta '14

Presentata recentemente, eccola ora disponibile presso tutti i concessionari della casa milanese. La versione diesel più performante, ma allo stesso tempo all'avanguardia per quanto riguarda il contenimento dei consumi ed il rispetto per l'ambiente. Ultimamente aggiornata nell'edizione Model Year 2014, erano in molti, non solo in Italia, ad attendere questa motorizzazione, tra le più ricercate nella categoria delle medie compatte di prestigio. La “Giulietta 2.0 JTDm 175cv TCT”, alza il livello tecnico ponendosi al vertice anche rispetto alla migliore concorrenza. Al piacere intrinseco della guida della due volumi del “Biscione”, per via di un telaio, di uno sterzo e di un comparto sospensioni, studiati ad hoc per invogliare alla guida sportiva in totale sicurezza, viene abbinato un motore allo stato dell'arte ed un cambio tanto comodo e docile quanto reattivo nell'uso più grintoso. Nonostante i ben 175 cavalli e soprattutto la corposa coppia di 350 Nm a soli 1750 giri al minuto, questa Giulietta non è, e non vuole essere, una corsaiola tutta pista. Le prestazioni sono certo elevate, ma elargite con garbo sportivo. Non a caso, sono due gli allestimenti previsti, il completo e raffinato Distinctive a 30.450 euro ed il lussuoso Exclusive a 31.900 euro.

 

i577 giulietta '14

Discrezione molto veloce, visto che al velluto, alla pelle e alle cromature, ci sono una velocità di punta che sfiora di un soffio i 220 Km/h ( anche se solo in pista certi dati sono riscontrabili ), ma soprattutto uno scatto ben sotto gli 8 secondi sul classico 0-100 km/h. Infatti, con i suoi 7,8 secondi la Giulietta diesel mette al palo molte sportivette a benzina, surclassandole in termini di autonomia, visto che con soli 4,4 litri ogni 100 Km di consumo medio omologato si possono superare abbondantemente i 1000 Km tra un pieno ed un altro. Il tutto con un bassissimo livello di Co2 ( 116 g/km ), considerate le prestazioni. Giunto al suo terzo sviluppo, il Common Rail, ha migliorato ulteriormente il rendimento, quindi iniezioni più rapide, con ottimizzazione di ogni stilla di carburante, con un incremento della silenziosità di combustione. Ancor più significativo il fatto che si è giunti all'affinamento con una riduzione dei componenti, rispetto al primo sistema Common Rail, del 40%, a tutto vantaggio della leggerezza e dell'affidabilità. Un'ammiraglia compatta, confortevole, sportiva, prestigiosa, da assaporare nei lunghi viaggi autostradali, così come nei tornanti di montagna.

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alfa Romeo Mito 1.4 Turbo Multiair 140cv TCT

( Febbraio 2014 )


Alfa Mito

Una cattiva travestita da borghese, ecco la piccola novità della Mito. Spinta dall'inedito sovralimentato 1.4 accoppiato al sistema Multiair ed al cambio a doppia frizione TCT, la Mito con i suoi 140 cavalli non solo spinge forte e regala emozioni, ma sa anche rispettare il nostro portafogli ed il nostro senso naturale del rispetto del Mondo che ci circonda. Con una velocità massima pari a 209 km/h ed un'accelerazione di 8,1 secondi sullo 0-100 Km/h, le prestazioni sono notevoli per una piccola che non vuole essere brutale e scomoda. Allo stesso tempo,a tanta vivacità, stupiscono, positivamente, i ridotti consumi, come dimostrano i soli 5,4 litri necessari per 100 km, nell'uso combinato, ai quali fanno riscontro gli appena 124 g/km di Co2. Nessun “Quadrifoglio Verde”, nessun assetto esasperato e granitico, ma un allestimento completo e confortevole, il “Distinctive”, ad un prezzo di 21.100 euro, per una tre porte da città, modaiola, adatta a divertirsi in tutti i viaggi, di piacere e di lavoro che siano, senza perdere nulla in termini di silenziosità e assorbimento delle asperità stradali. Accoppiata poi al cambio automatico dell'Alfa, la Mito qui presente è allo stesso tempo disinvolta nel riprendere i giri e velocità in qualsiasi evenienza, come docile e riposante nell'uso quotidiano, specie in quei momenti caotici di traffico che non mancano mai.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 500L Model Year 2014   

( Febbraio 2014 )


1902 fiat 500l 2014

La famiglia delle 500L si era appena allargata con le versioni benzina e diesel da 120 cavalli, ma la concorrenza non sta a guardare, dunque per confermare il grande successo sul mercato nazionale e internazionale, la gamma si aggiorna facendo debuttare la “Model Year 2014”. Lucente e brillante la tinta metallizzata in Blu Venezia, che si sposa magnificamente con la nuova selleria in tessuto misto pelle. Per agevolare la scelta da parte della clientela saranno disponibili nuovi pacchetti di optional, come il “Pop Star Pack, Lounge Pack e Trekking Pack” che si caratterizzano per l'evidente vantaggio economico. Tre di base gli allestimenti, ovvero i consueti Pop, Pop Star e Lounge, ai quali si aggiungono l'inedito “500L Beats EditionTM ”, per finire con la versione concepita per i professionisti denominata Business.

 

1903 fiat 500l 2014

Confermati i moderni ed attuali propulsori con al vertice i due 120cv, a benzina e diesel, uniti dalle stesse proverbiali doti di risposta grintosa, ma allo stesso tempo di economia e rispetto per l'ambiente. Considerando che le punte velocistiche sfiorano i 190 orari con scatti sullo 0-100 Km/h di poco sopra i 10 secondi, i consumi sono sorprendentemente bassi, con il 1.4 T-Jet che dichiara 6,9 litri ogni 100Km nell'uso combinato, mentre il 1.6 Mjet un eccellente 4,6 litri. Le 500L, che siano normali, Living o Trekking, non sono solo belle da vedere e funzionali nell'ampio spazio che sanno elargire alla tua quotidianità, ma sono anche una vetrina tecnologica italiana. Ovviamente nell'edizione 2014, non mancherà la bi-fuel benzina/gpl, recordcar di autonomia nei lunghi viaggi e di bassi costi di esercizio, che non perde nulla in termini di piacere di guida vista la base di partenza ottima che è sempre il 1.4 T-Jet da 120 cavalli.


arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 500L Beats EditionTM  

( Febbraio 2014 )


1900 fiat 500l beatsedition

Non è un mistero che risultino uniche le vetture Fiat che portano il nome “500” sul cofano. Dopo diverse versioni personalizzate, anche ad edizioni limitate della bellissima piccola tre porte e cabriolet, ecco anche per la simpatica cinque porte da famiglia una versione speciale, ovvero la “500L Beats EditionTM” che si distingue per la sua tecnologia e per dei dettagli unici. Illustre casa discografica e produttore musicale, a braccetto con i tecnici del gruppo automobilistico italiano, hanno sviluppato un impianto audio a doc per la “500L”, tanto perfetto da far invidia ad una sala da teatro, per purezza di suono e potenza.

 

1901 fiat 500l beatsedition

Debutta in questa unica versione un tale manufatto musicale di valore assoluto. Tutta da guidare e d'ascoltare, la “500L Beats EditionTM” si riconosce dalle altre per la specifica verniciatura bicolore grigio/nero, con la possibilità di averla in trattamento opaca oltre che lucida. Particolari in rosso e cromo-satinati la caratterizzano ulteriormente come una vettura moderna e tecnologica. Tali riferimenti cromatici vengono ripresi anche in abitacolo con la plancia che propone una cromia total black in ideale abbinamento con la selleria in misto tessuto/ecopelle nera con cuciture rosse. Già da ora ordinabile in Italia, prossimamente sarà disponibile anche nel resto del continente.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat Freemont Black Code in vendita

( Gennaio 2014 )


1877 freemont black code

Son trascorsi poco più di due anni ed il nuovo crossover Fiat, nato dal precedente Journey di Chrysler ha saputo sin da subito raccogliere consensi dalla clientela italiana ed anche europea. Qualità, tecnologia, comfort, robustezza, prestazioni e convenienza ne hanno decretato il successo con ben oltre le 52.000 vendite nel continente. Non male per una sette posti dalla stazza di quasi cinque metri. Non a caso nella sua categoria lo scorso anno si è posizionata al sesto posto a livello continentale, mentre a livello nazionale, dalla sua presentazione è divenuta la sette posti più richiesta. Proprio per festeggiare questi bei risultati, Freemont si è concessa un regalo, che a sua volta lo è per i suoi estimatori. Un nuovo allestimento al vertice della famiglia, ovvero il “Black Code”, abbinabile sia alla normale trazione anteriore che la integrale permanente AWD. Come annuncia il suo nome, sono i dettagli bruniti a caratterizzarla in modo grintoso ed elegante: in nero lucido troviamo la griglia della calandra anteriore al posto di quella grigio cromata di base, le calotte degli specchietti retrovisori, le cornici dei proiettori anteriori per finire con i specifici cerchi in lega da ben 19 pollici.

 

1877 freemont black code

Volendo porsi come ammiraglia alternativa, la dotazione di bordo è di rango, come dimostrano la presenza in primo equipaggiamento di accessori di assoluto valore come: climatizzatore automatico a tre zone, il controllo automatico della velocità di crociera, la chiave elettronica di apertura keyless/go, i bei sedili in pelle di pregevole qualità con in più il riscaldamento, la poltroncina del conducente a regolazione elettrica, i sensori di parcheggio con telecamera posteriore, gli specchietti retrovisori ripiegabili elettricamente, navigatore satellitare da ben 8,4 pollici touch screen con lettore dvd, connessione Bluetooth, sistema audio Premium di altissima qualità. Ad aumentare il controvalore di questo ricco equipaggiamento, concorrono anche la presenza senza sovrapprezzo della vernice metallizzata in quattro possibili tonalità differenti ed i cerchi in lega da 19 pollici con pneumatici 225/55 M+S. Oltre alla diversa scelta di trazione, è possibile ordinare questo speciale e ricchissimo “Black Code” sia con il potente e sobrio diesel 2.0 Multijet2 da 170 cv, che con il poderoso e sportivo benzina 3.6 V6 24v da 280 cv, un' esperienza unica, da provare. Freemont in questa particolare edizione, non perde nulla sul piano della sua praticità e robustezza, ideale sia per le famiglie, che per il lavoro ed il tempo libero, ma assume anche un valore da vera bussines car, con un comfort degno delle più blasonate berline tre volumi. In questa ultima settimana di Gennaio 2014, presso la rete vendita del brand torinese, i clienti possono ammirare il nuovo allestimento e prenotarlo. Letta la lunga lista in dotazione, i prezzi sono molto competitivi. Con il 2.0 Mjet 170cv 2WD si parte da 33.300 euro, per giungere alla corrispondente AWD a quattro ruote motrici con cambio automatico a 36.850 euro. Ma è ancora in vigore l'offerta che prevede la AWD allo stesso prezzo della due ruote matrici., con in più un finanziamento a tasso zero e taeg 1,34% senza anticipo.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lancia Delta MY '14, via alle vendite

( Gennaio 2014 )


 

1883 delta '14

Abbiamo superato i cinque anni di vita in un settore tra i più difficili sul mercato continentale. A Francoforte la presentazione della Delta Model Year '14, la media compatta di lusso del Gruppo, ora il debutto presso i saloni Lancia pronta per farsi ammirare dal grande pubblico. Nessun stravolgimento tecnico per una Delta che sin dal suo esordio ha convinto per il design raffinato ed esclusivo, per i suoi propulsori tutti sovralimentati e piacevoli ed il suo comfort da categoria superiore, ma mirati affinamenti stilistici e di dettaglio sia esternamente che in abitacolo per questo maquillage. Spiccano immediatamente la parte bassa della carrozzeria ( paraurti e minigonne ) in tinta carrozzeria in sostituzione dell'attuale nero e presenza del doppio scarico cromato. Dettagli in tinta nero lucido sulla consolle centrale od in nero opaco sul volante, quadro strumenti e tasti in plancia. Accorgimenti che accentuano l'aspetto maschile e grintoso della bella Delta, che dal 2008 ha rilanciato insieme alla Ypsilon il marchio Lancia non solo a livello nazionale. Come oggi, sono quattro gli allestimenti disponibili. Il più accessibile con un controvalore eccellente è lo “Iron”, seguito dall'equilibrato e completo “Silver”, al pregevole “Gold”, sino all'elegante sportività del “S Momodesign”. Inizialmente saranno tre i propulsori, due diesel 1.6 Multijet da 105 e 120 cv ed il doppia alimentazione benzina e gpl 1.4 T-Jet da 120cv, gestiti da una trasmissione manuale a 6 rapporti. Come da tradizione della casa son ben 19 le tinte disponibili per la carrozzeria, dei quali 9 bicolore, con la possibilità di 7 cerchi in lega da tre diametri differenti. I prezzi, considerando la classe e lo spessore tecnico della vettura, nonché i contenuti presenti, sono alettanti, visto che si parte dai 22.950 euro per la “1.6 Mjet 105cv Iron”, per raggiungere i 26.750 euro della “1.6 Mjet 120cv Gold”.

 

1882 delta '14

Le vetture in esposizione sono delle speciali “Opening Edition”, spinte dai due 120cv diesel e gpl-benzina che offrono, gratuitamente lo scenografico tetto apribile “Gran Luce”. Momentaneamente per l'Italia, il più grintoso “S Momodesign” non è contemplato, ma nulla da temere, visto che già a partire dalla versione “Iron” la dotazione di serie è a dir poco completa, vista la presenza di accessori come; cerchi da 16", radio CD/MP3, climatizzatore manuale, volante multifunzione con comandi radio, sedili in tessuto tecnico nero, quelli anteriori sono regolabili in altezza mentre il sedile posteriore è scorrevole e sdoppiato, doppio terminale di scarico cromato, minigonne e paraurti in tinta, nuovi interni effetto 'dark', specchi retrovisori esterni elettrici e alzacristalli elettrici anteriori e posteriori, airbag anteriori regolabili, window bag, fendinebbia con funzione 'cornering', servosterzo elettrico, ESP con Hill Holder e attacchi Isofix. Salendo sull'allestimento intermedio il nuovo “Silver” la dotazione già di partenza ricca guadagna sistema Blue&Me con presa USB e AUX-IN, climatizzatore automatico bizona, cruise control, cerchi in lega da 17", sedili in tessuto Carbony con inserti in Alcantara, tasca retro schienale lato passeggero, regolazione lombare per il sedile del guidatore, rivestimento in pelle per il volante multifunzione, cristalli privacy, poggia braccio anteriore, specchietti esterni verniciati 'gloss black' e modanature cromate per i cristalli. Per gli incontentabili il top Delta offre il “Gold” con ulteriori chicche sfiziose come i cerchi in lega da 17" effetto diamantato, sensori di parcheggio posteriori, kit fumatori, presa 12v nel vano bagagli, quadro Matrix riconfigurabile, sedili in pelle traforata (nero o beige), poggia braccio posteriore, rete portaoggetti nel baule e il Visibility Pack che include specchietto retrovisore interno elettro cromico e sensori crepuscolare e pioggia.

 

i582 delta '14

Gli optional per personalizzare ulteriormente la propria ammiraglia sportiva sono da considerarsi veramente dei capricci come il sistema di assistenza al parcheggio “Magic Parking”. Un quarto allestimento specifico, abbinato ai due 1.6 Mjet, dedicato ai professionisti che macinano decine di migliaia di chilometri annui per lavoro, è il già conosciuto “Business” che è dotato di un pacchetto di dotazione mirate a chi, appunto, trascorre tante ore al volante, come il clima bizona, il controllo di velocità, sensori di parcheggio posteriori, il sistema audio con prese AUX-in e USB con applicazione Blue&Me e Navigatore INP.

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio


 

Fiat Doblò Model Year 2015

( Dicembre 2014 )

Abarth 695 Biposto: presentata in pista

( Dicembre 2014 )

Fiat 500x in Tour prezzo città e saloni italini

( Novembre 2014 )

Fiat 500x Web Edition

( Novembre 2014 ) 

Fiat 500x Opening Edition

( Ottobre 2014 ) 

Alfa Giulietta Sprint da 25.900€ a 31.200€

Ottobre 2014 )

Fiat 500 Couture

( Settembre 2014 ) 

Fiat Doblò Furgone 2014

( Settembre 2014 ) 

Fiat Panda Cross: inizia l'avventura

( Luglio 2014 ) 

Maserati Quattroporte allarga la famiglia

( Luglio 2014 ) 

Abarth 500 My 2014 in vendita

( Giugno 2014 ) 

Lancia Ypsilon Elefantino Collezione 2014

( Giugno 2014 ) 

Maserati MC Centennial Edition

( Maggio 2014 ) 

Alfa Giulietta Riders

( Aprile 2014 ) 

Alfa Giulietta 2.0 JTDm 175cv TCT

( Febbraio 2014 ) 

Alfa Mito 1.4 Turbo Multiair TCT 140cv

( Febbraio 2014 )

Fiat 500L Model Year 2014

( Febbraio 2014 ) 

Fiat 500L BeatsEdition

Febbraio 2014 ) 

Fiat Freemont Black Code; ora in vendita

( Gennaio 2014 )

Lancia Delta 2014: il via alle vendite

( Gennaio 2014 ) 

Le presentazioni del 2013

( Dicembre 2013 )

Le presentazioni del 2012

( Dicembre 2012 )

Le presentazioni del 2011

( Dicembre 2011 )

 

 

 

 

  

logo itauto2

www.itautoweb.it