logo1st1st10st13st20st25st36


Itautoweb
banner1

134 296 367 564 580 637 670 695 778 894 m1283 1298p 1306  1344 1574 

"La tua auto italiana dal 1993 ad oggi"      

Notizie storia design curiositÓ oggi ieri la tua prova
chi siamo       Eco itauto       dizionario       prima pagina       contattaci       confronti       concessionari

Ultima modifica: Lunedì 25 marzo 2013

 

  Speciale Salone di Ginevra 7-17 marzo 2013


ABARTH FUORISERIE


 

Da sempre il brand dello Scorpione è sinonimo di specialità uniche e di “fuoriserie”. Già di per sé le Abarth sono vetture fuori dal coro, uniche e particolari, ma è alta anche la possibilità di personalizzazione delle singole vetture. E’ proprio qui che si fonda il programma “Fuoriserie”, che permette ad ogni cliente di cucirsi sulla propria pelle la Abarth su misura. Il cliente, assieme agli artigiani dello Scorpione dialogheranno strettamente per far si che i suoi desideri siano realizzati. In primis sono i motori ad essere personalizzati, infatti solo le Abarth fuoriserie sono identificate dalla speciale firma “695” e possono avere il sovralimentato plurivalvole portato ad una potenza di 180 cavalli. Sia esternamente che internamente le fuoriserie sono ancor più speciali. Due collezioni speciali sono presenti in Svizzera. Per la collezione New Heritage sono esposte la “695 Record” e la “695 Scorpione”, mentre per la collezione New Wave, la rappresentano la “695 Hype” e “695 Black Diamond”. La “Record” prende spunto dalla storia sportiva del marchio, mentre la “Scorpione” riprende le vestigia delle gloriose Autobianchi Abarth. La “695 Hype” è una lettura moderna e di tendenza delle Abarth odierne, mentre le “Black Diamond” hanno un taglio sportiveggiante sì, ma anche elegante e di stile. Ad affiancare le speciali 695, le Punto SS da 180 cavalli.

 

 

1855

 

Abarth 695 "Black Diamond"

 

 

 

 

 

 

 

ALFA ROMEO 4C Launch Edition 


 

Ne abbiamo già parlato della stella del Salone elvetico, l’affascinante supercar ad ampia accessibilità “4C”. Design da brivido al pari delle sue prestazioni e qualità tecniche, sarà il biglietto da visita migliore per il ritorno in grande stile sul territorio statunitense. Al Salone di Ginevra, sono esposte alcune 4C per farsi ammirare, ma anche l’aspetto tecnologico è in bella vista, dal gruppo cambio – propulsore, allo chassis nella leggerissima fibra di carbonio. Come ogni regina che si rispetti, ad affiancarla vi sono nobili guardie. Le due fresche di commercializzazione Mito SBK, destinate a divenire quasi pezzi da collezione. Anche La Giulietta qui si presenta nella recente versione Veloce, entrata in listino proprio in questo mese di marzo.

 

Per celebrare nel migliore dei modi il ritorno del glorioso marchio milanese in un settore che la sempre vista protagonista, quello delle coupè agili, sportive e quasi estreme, è nata l’edizione speciale di presentazione dell’affascinante 4C, ovvero la “Launch Edition”. Costruita in soli 400 esemplari, ovviamente tutti numerati, esclusivamente dedicati al mercato continentale, è un vero pezzo da collezione. Da questo mese, è possibile ordinare il nuovo gioiello in questa speciale tiratura, ad un prezzo di 60.000 euro. Prezzo che tiene conto dell’IVA, al netto di altre eventuali tassazioni vigenti nei singoli stati.

Queste 400 unità è l’avanguardia del debutto ufficiale della 4C sui mercati che avverrà nella tarda primavera. Per coloro che riusciranno ad aggiudicarsi questa prima edizione limitata, ci sarà una gradita sorpresa, ovvero una sessione di Guida Avanzata, per poter così imparare da professionisti l’arte della guida sportiva e conseguentemente, poter assaporare ogni chilometro al volante della propria 4C. La “Launch Edition” è possibile sceglierla in due tinte differenti; il caldo cuore sportivo in Rosso Alfa, oppure nella grintosa eleganza del Bianco Carrara. Rispetto alle future 4C standard, qui è presente un pacchetto aerodinamico specifico in carbonio, costituito da spoiler, specchietti retrovisori e fanaleria, un diffusore posteriore in alluminio in tinta scura, proiettori con tecnologia Bi-Led e differenziazione nei cerchi con quelli anteriori a 18 pollici e quelli posteriori a 19 pollici.

A identificarla come edizione limitata e unica, vi sono anche specifiche prese d’aria sul muso, così come pinze freno in tinta, impianto di scarico sportivo e assetto di molle e barra antirollio studiate ad hoc per una guida estrema. Se esternamente la “LE” assume un carattere particolarmente corsaiolo, la stessa filosofia è seguita per l’abitacolo dei due occupanti. Volante e sedili in pelle e microfibra con cuciture in contrasto, che vengono anche riprese sul freno a mano, sui tappetini e le maniglie.

Per via dell’eccellenza tecnologica insita in questo gioiello a quattro ruote, la tiratura della 4C, non supererà le 3500 unità annue, così ripartite: 1500 esemplari saranno dedicati all’Europa, Medio Oriente e all’Est, 1200 al Nord America e 800 al resto del Mondo. Speriamo allora che possa essere prodotta a lungo, almeno per quindici o venti anni.


Per andare al nostro articolo di Febbraio sulla 4C

 

 

1859

 

Alfa Romeo 4C Launch Edition  vista frontale

 


 

1859

 

Alfa Romeo 4C Launch Edition  vista 3/4 posteriore

 


 

1859

 

Alfa Romeo 4C Launch Edition  vista abitacolo

 

 

 

 

 

 

 

FIAT 500L Trekking


 

Essere off road senza complicazioni. La bella e simpatica monovolume compatta di casa Fiat, si veste per una gita avventurosa in montagna o campagna. Esteticamente pare una vera tutto terreni, ma tecnicamente non prevede nessuna trazione integrale. Il mercato, infatti, ha decretato che nel settore delle compatte e medie, la maggior parte dei modelli “alti da terra”, sono privi di qualsivoglia sistema di trazione integrale. L’aspetto della 500L è veramente grintoso e invita al primo sguardo verso l’avventura, grazie alla sua altezza maggiorata ( che già di per sé è un aiuto tecnico per disimpegnarsi in strade sterrate ), alle protezioni metalliche sui paraurti anteriore e posteriore, che assumono un design aggressivo e sportivo.

Codolini in contrasto sui passaruota che si collegano visivamente con gli ampi inserti plastici protettivi presenti lungo le fiancate. Specifici cerchi in lega dall’ampio diametro caratterizzano questa versione che calzano anche gomme “M+S”. In casa Fiat, Trekking non vuol dire solo ed esclusivamente immagine fuoristradistica, ma anche semplici soluzioni tecniche di supporto alla guida fuori asfalto. Come già avvenuto sul simpatico tutto spazio Fiat Qubo, ecco che invece di appesantire la meccanica con una trazione 4x4, un sistema elettronico chiamato “Traction+” simula il lavoro di un differenziale sull’asse di trazione. Lavorando sulle centraline di ESP, ASR ed ABS, permette in pochi millesimi di secondi di riconoscere lo slittamento di una delle due ruote anteriori, tagliandone la potenza e rivolgendola su quella che ha maggior presa sul terreno. Anche se non può del tutto sostituire un vero sistema integrale, questo efficace e intelligente supporto elettronico risulta utile nelle maggiori situazioni di campagna, se non estreme.

Al pari della caratterizzazione esteriore, anche l’abitacolo di questa versione avventurosa, si distingue dalle altre 500L. Specifico il tessuto tecnico con inserti in pelle ecologica, con doppia possibilità cromatica bicolore. Speciale anche il colore “Giallo Sole”, abbinabile al tetto in tinta nera o bianca.

Diverse le possibilità di motorizzazione per la 500L Trekking. La base per prezzo è la 1.4 16v da 95cv, seguito dal pluri premiato bicilindrico 0.9 TwinAir Turbo da 105cv per i benzina. Per la famiglia dei diesel, si parte dal piccolo e grintoso 1.3 Mjet da 85cv, abbinabile anche al cambio robotizzato Dualogic. Più performante e particolarmente grintoso il 1.6 Mjet da 105cv, capace di essere la risposta ideale per qualsiasi utilizzo, grazie alla sua pastosità e generosità in termini di coppia.

 

 

1851

 

Fiat 500L Trekking vista 3/4 anteriore

 


 

1851

 

Fiat 500L Trekking vista 3/4 posteriore

 

 

 

 

 

 

 

FIAT 500 GQ


 

Per coloro che non seguissero con attenzione le mode, il magazine dal taglio maschile “Gentlemen’s Quarterly” è la cartina tornasole delle tendenze culturali e stilistiche in tutto il Mondo. Fiat, in collaborazione con questa testata, presenta qui in Svizzera l’intrigante “500 GQ” che successivamente ad inizio estate sarà commercializzata. Come la rivista, questa versione della simpatica berlinetta torinese, è allo stato dell’arte per moda e stile. Specifica e personalizzata la tinta bicolore grigio opaco e nero carbonio che si sposano alla perfezione con gli specchietti retrovisori cromati ed i cerchi in lega da 16 pollici. Altri elementi distintivi sono il logo “GQ” presente sui montanti laterali centrale, firma 500 arancione sulle coppe ruota, così come arancioni sono le pinze freno sulla più potente 1.4i 16v da 100cv. Della stessa tinta accesa la firma del modello posta sulla plancia e sui sedili in pelle con cuciture specifiche. Comfort ma anche sportività come la pedaliera in alluminio ed il pomello del cambio in pelle. Chi vive in città, tendenzialmente segue con attenzione e partecipazione ogni forma di moda e tendenza ed è soprattutto a loro che questa GQ si rivolge. Tecnicamente prende spunto dalla nuovissima versione S e sarà disponibile con l’intera famiglia di propulsori della 500, salvo quella a doppia alimentazione e sia con la carrozzeria 3 porte che quella cabriolet.

 

 

1853

 

Fiat 500 GQ - vista 3/4 anteriore 

 

 

 

 

 

 

 

FIAT 500e


 

Non è una prima Mondiale, visto che negli Stati Uniti ha già debuttato al Salone di Los Angeles. Non a caso sarà commercializzata solo in terreno nord americano per via di un accordo stipulato al momento dell’acquisizione da parte di Fiat, del brand Chrysler. Questa elettrizzante 500, non ha scopi di vendita , ma più d’immagine e politica per il gruppo Fiat, visto che ogni modello venduto non porta reddito. Si sa, oltretutto, che l’automotive nazionale sulla questione dell’ecologia, punta molto le sue carte su soluzioni concrete e immediate da utilizzare nella quotidianità odierna , piuttosto che in prospettiva futura, oggi problematiche e costose. Nonostante ciò, la “500e” è un concentrato tecnologico di indubbio interesse. Allo stile affascinante e moderno della bellissima 3 porte, un attento studio aerodinamico ne ha migliorato l’efficienza del 13% per una scorrevolezza in velocità migliore. Per questa “e” lo chassis e le sospensioni sono specifiche, così come l’impianto frenante. Uno specifico display da 7 pollici in modo efficiente e grazioso informa costantemente della funzionalità elettrica della vettura e conseguentemente del livello di ricarica delle batterie. Nessun classico cambio tradizionale, ma uno elettronico comandabile tramite un pulsante sulla plancetta centrale. Il propulsore elettrico è in grado di sprigionare 111 cavalli a zero emissioni e ciò che ancor più interessa, sono le meno di 4 ore necessarie per la ricarica delle batterie. L’EPA, ovvero l’organo di protezione ambientale USA, ha sottoposto la nostra 500e ad una prova sul ciclo extra-urbano misurandone il MPGe, ossia l'unità di misura sviluppata da EPA per determinare quante miglia può percorrere un veicolo elettrico con una quantità di elettricità generata da batteria che abbia lo stesso contenuto energetico di un gallone di benzina. Ebbene, con i suoi 108 MPGe, è la vettura elettrica presente sul territorio nord americano con più efficienza. In oltre, con i suoi  140 Km di autonomia, risulta quella con il valore più alto.

 

 

1853

 

Fiat 500 e - vista 3/4 anteriore

 


 

1853

 

Fiat 500 e - vista abitacolo

 

 

 

 

 

 

 

FIAT Panda 4x4 Bicolore


 

A Ginevra, la Panda si presenta in tre versioni già ampiamente conosciute e diffuse. La vera novità risiede nel loro innovativo vestito. La vernice, innanzitutto è a tristrato in due delle Panda, una bianca ed una rossa. La 4x4 Mjet svizzera, invece si distingue per una raffinata soluzione “bicolore”, perfetta per la tutto terreni pandosa; al corpo vettura in Verde Toscana, si abbina il tetto in Beige Accogliente. Non un semplice guizzo stilistico, ma un attento studio cromatico abbinato alla personalità della vettura, nel più puro ingegno artistico italiano. Degna soluzione per una delle 4x4 più vendute in Europa. In pochi mesi sono stati già oltre 10.000 i clienti che hanno optato per le Panda 4x4 o Trekking e di questi ben il 70% sono fuori dal confine nazionale. Curioso notare che in Svizzera, una Panda su due vendute è una tutto terreni, ed in Austria, quasi due su tre. Non poteva certo quindi mancare la famiglia al completo delle Panda nevose, nella capitale automobilistica delle Alpi. 

 

 

1853

 

Fiat 500 e - vista 3/4 anteriore

 

 

 

 

 

 

 

 

LANCIA Ypsilon


 

L’affascinante cittadina cinque porte che da oltre 25 anni miete successi in tutto il continente, a Ginevra presenta due inedite versioni. Ritorna un simbolo storico della casa di Chivasso, quel leggendario elefantino in corsa tanto caro al fondatore del marchio che porta il suo nome. Eccola dunque la giovanile e spigliata “Elefantino”. Diviene il nuovo allestimento di accesso alla gamma, ma più caratterizzato rispetto all’attuale Silver standard. Sono i giovani il suo target ideale. Speciali le tinte di carrozzeria, come il nuovo Turchese, disponibile anche in versione Bicolore abbinato, appunto ad un sontuoso Nero Vulcano. Affascinanti anche il Beige Sabbia, il Bianco Neve ed il Grigio Pietra. Personalizzate le calotte degli specchietti, così come i copri mozzo colorati delle ruote e le maniglie in tinta carrozzeria. Anche l’abitacolo si offre vivace e giovanile e dettagli specifici la distinguono come il volante in pelle, le finiture cromate della plancia e i sedili in tessuto nero con cuciture turchese o fucsia, le stesse che si ritrovano anche sulla cuffia del cambio e sui poggiatesta. Ovviamente il simpatico animaletto firma da più parti, sia internamente che esternamente la bella cinque porte. Qui a Ginevra ma in vendita dal secondo trimestre sarà disponibile con tutte le motorizzazioni con cambi manuali. Completa la dotazione di bordo che vede tra le voci più importanti: telecomando per apertura porte, cambio e volante in pelle ( regolabile in altezza e profondità ), alzacristalli elettrici anteriori, sedile posteriore sdoppiato 50/50, sedile guida regolabile in altezza, ruote in lamiera da 15", interni in tessuto tecnico con elettrosaldature riportate, predisposizione autoradio e lunotto termico, ABS + EBD, ESP completo di ASR e Hill Holder, airbag anteriori e laterali, oltre agli attacchi isofix.

Altro allestimento speciale della Ypsilon cinque porte è il “S MOMODESIGN”, che assume un sapore più grintoso senza sfociare in una vera caratterizzazione sportiva. Al pari della “Elefantino” sarà in vendita solo dopo il secondo trimestre dell’anno. Ben cinque tinte bicolore disponibili dove l’elemento dominante e comune a tutte è il Nero Opaco, che adorna portellone, tetto e specchi retrovisori. Il restante della carrozzeria può essere scelto in Bianco Neve, Nero Vulcano, Rosso Argilla, Grigio Pietra ed anche l’inedito Blu Zaffiro. Esteticamente la S MOMODESIGN è anche riconoscibile per il paraurti specifico posteriore dal design modificato con inserti cromati, per le maniglie delle portiere in tinta carrozzeria, oltre che alla firma dell’allestimento inserita sul montante centrale e sui bei cerchi in lega da 15 o 16 pollici in alternativa. Ovviamente anche l’abitacolo strizza l’occhio ad una certa dinamicità, con le sue tinte scure dominanti sia su plancia che tessuti. Affascinante la colorazione gialla della strumentazione centrale che fa tanto “Deltona” per i più nostalgici. Questo speciale vestito sarà disponibile con l’intero pacchetto dei propulsori attualmente sul mercato. Ancor più completa la dotazione di bordo, che vede rispetto alla precedente “Elefantino”, in primo equipaggiamento il climatizzatore manuale e l’autoradio CD/MP3.

 

 

1853

 

Lancia Ypsilon Elefantino - vista 3/4 posteriore

 


 

1853

 

Lancia Ypsilon Elefantino - vista abitacolo

 


 

1853

 

Lancia Ypsilon S by Momodesign- vista 3/4 anteriore

 

 

 

 

 

 

 

 

LANCIA DELTA S by Momodesign


 

Compie esattamente cinque anni la media dello Scudo, dato che proprio al Salone di Ginevra del 2008 venne presentata. Qui, in Svizzera, debutta la speciale “S by Momodesign”, firmata dal prestigioso atelier che da tempo firma Lancia uniche e lussuosamente grintose. Come lo è appunto questa nuova Delta. Sono diversi i dettagli che identificano e personalizzano la Delta “S by Momodesign”, quali le minigonne e paraurti nella stessa tinta di carrozzeria alle finiture Ecochrome, dai proiettori bruniti ai cerchi da 18'', dal doppio scarico cromato al portellone nero lucido. Nuove anche le tinte come il metallizzato Grigio Antracite, o il bicolore Grigio Antracite abbinato al Nero Eclissi. Al pari dell’esterno, l’abitacolo è speciale e troviamo:  console centrale in nero lucido, inserti Ecochrome (escluse bocchette), tachimetro con colorazioni in giallo  e sedili specifici in pelle e tessutoballistic. Ovviamente di rango la dotazione di serie che include cruise control, climatizzatore automatico bizona, specchi esterni a comando elettrico mentre, a richiesta, è possibile aggiungere il poggia-braccio posteriore e il sistema Blue&Me. Questo speciale allestimento sarà disponibile con il benzina ed il bifuel sovralimentato da 120 cavalli, oltre che al diesel 1.6 Mjet sempre da 120cv ed il potente Mjet a doppia sovralimentazione da 190cv, probabilmente la più congeniale per la “S by Momodesign”, per via delle sue prestazioni fuori catalogo come si evince da una punta velocistica pari a 222 Km/h ed uno scatto sullo 0-100 Km/h sotto gli 8 secondi.

 

 

1850

 

Lancia Delta S by Momodesign - vista 3/4 posteriore

 

 

 

 

 

 

 

LANCIA VOYAGER 2.8 178cv


 

Il più grande monovolume del Vecchio Continente, simbolo di viaggi in compagnia in pieno comfort ed eleganza, si aggiorna nel suo propulsore più diffuso, ovvero il diesel. Non commercializzato da noi il grosso Pentastar V6 a benzina, il 2.8 16v Turbodiesel si affina, per regalare più grinta, più omogeneità di funzionamento e migliori consumi. A Ginevra debutta il 2.8 con 15 cavalli in più rispetto all’attuale da 163 cv. E’ soprattutto la coppia ad essere affinata, non tanto nel suo valore massimo che rimane il medesimo dell’attuale pari a 360Nm, ma nell’estensione del regime di impiego che parte da soli 1400 giri, sino ad un massimo di 3400 giri al minuto. Ciò si traduce in una notevole fruibilità ed elasticità, dando modo di viaggiare con i rapporti marcia più elevati e quindi con consumi più bassi. Lo scatto migliora di quasi mezzo secondo abbassando l’attuale tempo di 11,9 secondi sullo scatto dello 0-100Km/h, agli 11,5 secondi. Stessa velocità massima pari a 193 Km/h. Non solo motore in questa edizione 2013 della Lancia Voyager. Raffinate le inedite tinte metallizzate “Maximum Steel” e “Billet Silver”, ma ancor più interessante è l’ingegnoso sistema di traino denominato “Trailer SwayDamping”. Non sono in pochi coloro che amano portarsi appresso i propri sogni, come roulotte, imbarcazioni, moto ... e sanno bene quanto delicata sia la guida con un rimorchio sul retro del proprio veicolo. Questo “TSD” è un apparato elettronico di smorzamento delle sbandate del rimorchio, grazie ai sensori del controllo di stabilità che leggono possibili oscillazioni anomale del traino. Quando viene previsto in un tempo infinitamente piccolo un movimento non voluto del rimorchio, vengono frenate le ruote opposte. Come sempre ricchissima la dotazione di serie della Voyager, disponibile nei due allestimenti, il completissimo Gold ed il lussuoso e unico Platinum. Cambio automatico a sei marce perfetto per una guida in pieno relax e normativa d’impatto ambientale Euro5.

 

 

1850

 

Lancia Voyager - vista 3/4 anteriore

 

 

 

 

 

 

 

 

MASERATI GRANTURISMO MC STRADALE 2013


 

Aggiornamento a livello estetico per la prestigiosa e potente Maserati Granturismo MC Stradale. E’ soprattutto a livello di frontale che troviamo le modifiche, con una spettacolare presa d’aria che si dilata in tutta larghezza. Il cofano motore è fatto per tutta la sua lunghezza in fibra di carbonio. Sportivo anche il ritocco sul posteriore, dove il paraurti mostra un ampio estrattore dove emergono due splendidi terminali di scarico. Tecnologiche ed attuali le luci diurne a led che si sposano alla perfezione con gli inediti cerchi in lega forgiati da ben 20 pollici. Il classico V8 di 4.7 litri sprigiona sempre 460 cavalli ed è abbinato al cambio MC race Shift a 6 marce. Adeguato alle elevate prestazioni l’impianto frenate della Brembo con dischi carbo-ceramici. Una delle rarissime coupè nel mondo che sanno regalare confort a quattro occupanti ed allo stesso tempo superare la soglia dei 300 Km/h di velocità massima.

 

 

1850

 

Maserati GranTurismo MC Str. - vista 3/4 anteriore

 

 

 

.

nuova italia

 

 

Abarth Fuoriserie

 

Alfa 4C Launch Ed.

 

fiat 500l trekking

 

fiat 500 gq

 

fiat 500 e

 

fiat panda 4x4

 

Lancia Ypsilon

 

Lancia Delta S MD.

 

Lancia Voyager 2.8

 

Maserati GT MC '13

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

logo itauto2

www.itautoweb.it