logo1st1st10st13st20st25st36


Itautoweb
banner1

134 296 367 564 580 637 670 695 778 894 m1283 1298p 1306  1344 1574 

"La tua auto italiana dal 1993 ad oggi"      

Notizie storia design curiositÓ oggi ieri la tua prova
chi siamo       Eco itauto       dizionario       prima pagina       contattaci       confronti       concessionari

Ultima modifica: Lunedì 30 marzo 2020

 

 


 

Fiat Panda 2012  Fiat Panda 5 porte   

Per Gamma e Dati Tecnici digita la foto sopra:

 


 

Fiat Panda “Ibride”

( Gennaio 2020 )


Fiat Panda Hybrid

Dopo le Jeep, ecco le primissime auto di firma italiana di serie, che adottano un supporto alternativo al tradizionale propulsore termico. Si affaccia dunque il sistema elettrico in casa Fiat. In modo leggero, non impegnativo sia in termini economici che di abitudine all’uso quotidiano per il fruitore finale che è appunto l’automobilista. Il primo passo verso quel mondo elettrico tanto paventato da oramai un decennio a questa parte. Così il nuovo decennio si apre con le più famose auto del brand, ovvero la Panda e la 500 Hybrid, in una ricca versione di apertura chiamata “Hybrid Launch Edition”. Inedito non è solamente l’apparato elettrico, ma lo stesso motore a benzina, già visto sulla 500X, ma di gran pregio sulle più piccole city del marchio torinese. Con i continui blocchi al traffico delle nelle grandi metropoli, specie per le alimentazioni diesel anche di recenti produzione, si seguono strade alternative, ma che non facciano perdere i benefici delle tanto ingiustamente criticate vetture a gasolio, come la loro efficienza, il basso consumo e la grande autonomia. Le elettriche pure hanno due ostacoli ancora molto alti da superare. Il loro acquisto, dalle due alle tre volte superiore a quello delle analoghe a propulsione endotermica, oltre ad una drastica diminuzione dell’autonomia resa ancor più problematica dai tempi lunghi di ricarica. Fiat dunque abbraccia l’aiuto elettrico al Mondo propulsivo che oggi conosciamo. Il primo step alla propulsione elettrica globale senza stravolgimenti, in modo tale che il proprietario della vettura non troverà alcuna modifica al suo abituale iter giornaliero di mobilità. Anzi la nuova tecnologia permette già un gusto alla guida ancor più dinamico e divertente, con ovviamente, la consapevolezza di rispettare l’ambiente in cui viviamo. Panda e 500 ibride sono il primo gradino che vedrà il successivo nella produzione della piccola city chic iconica totalmente ad elettroni, per poi nei primi anni del nuovo decennio ampliarsi in una gamma sempre più ampia e articolata. All’atto pratico è stato preso il recente ed innovativo tre cilindri a benzina di 999 cm3 di cilindrata Firefly ma non da 120 cavalli, ma nella inedita e semplice edizione da 70 cavalli, che però è in collaborazione con una motrice elettrica “BSG”, acronimo di Belt Integrated Starter Generator, da 12 volt che accumula il tutto in una piccola batteria al litio. Il confronto infatti è da farsi con i rispettivi modelli spinti dallo storico quattro cilindri aspirato Fire 1.2 da 69 cavalli. Ebbene sulla 500 Hybrid si registrana una diminuzione dei consumi, perdio della produzione di Co2 di circa il 20%, mentre se si prende in considerazione la Panda Cross si raggiunge un miglioramento del 30%. Senza la sovralimentazione il nuovo millino riesce ad avere quasi la stessa coppia del vecchio 1.2 Fire, con il netto vantaggio di essere decisamente più leggero oltre ad avere anche la distribuzione a catena. 70 cavalli a 6.000 giri e 92Nm di coppia a 3.500 giro al minuto. Ma non è da leggere come un’entità a se stante perché è in continuo dialogo con il BSG, applicato attraverso la cinghia dei servizi al benzina stesso.

 

Fiat Panda Hybrid

Infatti in fase di decelerazione o frenata stessa, viene generata energia elettrica che attraverso la batteria al litio da 11Ah, non viene più dispersa ma recuperata in grado di sprigionare sufficiente potenza massima ( pari a 3,6 Kw ) per riavviare il motore nei start e stop o nelle situazioni dove si richiede un’accelerazione più vivace. Ciò permette anche quasi di veleggiare, ovvero di muoversi con il benzina spento quando si viaggia ad una velocità inferiore ai 30km/h. Nessuna paura perché è il BSG che governa la vita della piccola cittadina e il conducente può tenere sotto controllo il tutto attraverso la strumentazione ancor più attraente sulla 500. Riavviamenti più rapidi e silenziosi in colonna, un cambio a 6 marce specifico con un rapporto finale di tutto comfort ed economia, oltre ad un propulsore ancor più in basso, di quasi mezzo centimetro che porta il baricentro della vettura più al suolo conferendo dunque una guida più precisa ed accattivante. Dunque piacere di guida, buone prestazioni, bassi consumi ed un’omologazione ecologica secondo la normativa Euro 6D Final, oltre al fatto di rientrare tra le categorie delle ibride, che si traduce in agevolazioni sulle tasse, oltre alla circolazione stradale. Semplice ed elegante, in pure stile italiano il logo che identifica il nuovo corso dell’ibrido delle due piccole di casa Fiat, ovvero un bottone che simula una lettera “H” costituita da due gocce di rugiada, dal quale prende vita anche la nuovissima tonalità “Verde Rugiada” disponibile per entrambe le automobili. Ben chiaro sui rispettivi portelloni la firma della scelta tecnologica “Hybrid”. Ecologiche nel cuore che le anima, ma anche in qualcosa di più tangibile, come la selleria delle “Launch Edition”, una chicca nel mondo dell’automobile a livello mondiale, il cui tessuto è parzialmente riciclato da plastiche recuperate per il 10% in mare ed il restante sulla terra ferma. Allo stesso tempo le stesse tinte vengono apportate salvaguardando l’utilizzo mirato sia dell’acqua che dell’energia. Se nel Vecchio Continente Panda e 500 insieme hanno conquistato quasi 400 mila nuovi clienti nel 2019, le nuovissime versioni orientate alla richiesta, proprio in Europa di attenzioni particolari all’ambiente, contribuiranno senza dubbio al successo di due leggende italiane, sul mercato la 500 da ben 12 anni e l’ultima Panda da 9 anni, terza erede di una dinastia nata 40 anni fa. Ordinabili entrambe già dalla seconda decade del mese di gennaio in corso, si potranno parcheggiare a casa le prime ibride Fiat tra la fine di gennaio e i primissimi giorni di febbraio. Il tutto con un prezzo, grazie alle promozioni e agli sconti statali, a partire da 10.900 euro. Tre gli allestimenti compreso il Trussardi per la Panda ed una dotazione già per le basi completa di tutto.

 

 

 


  

 


GAMMA e DATI TECNICI

 

c.c.

Alim.

Cilindri

Valvole

cv

Vel.max

acc.

C.urb

C.sta

lung.

larg.

.

A/i.

Allestimento

Versione



PREZZO

1,2

b

4

8

69

164

14,5

5,8

4,3

365

164



Pop

i



11600

1,2

b

4

8

69

164

14,5

5,8

4,3

365

164



Easy

i



12600

1,2

b

4

8

69

164

14,5

5,8

4,3

365

164



Lounge

i



13600

1,2

bg

4

8

69

164

14,5

7,1

6,3

365

164



Easy

GPL Easy Power



14600

1,2

bg

4

8

69

164

14,5

7,1

6,3

365

164



Lounge

GPL Easy Power



15600

0,9

tbim

2

8

85

170

12,7

4,3

3,1

365

164



Easy

N.Power t.air turbo



16250

0,9

tbim

2

8

85

170

12,7

4,3

3,1

365

164



Lounge

N.Power t.air turbo



17250

1

hyb-b

4

16

69

155

14,7

4,7

3,5

369

167



City Cross

Hybrid



15100

1

hyb-b

4

16

69

155

14,7

4,7

3,5

369

167



Launch Edition

Hybrid



16100

1

hyb-b

4

16

69

155

14,7

4,7

3,5

369

167



Trussardi

Hybrid



17100