logo1st1st10st13st20st25st36


 Itautoweb
banner1

134 296 367 564 580 637 670 695 778 894 m1283 1298p 1306  1344 1574 

"La tua auto italiana dal 1993 ad oggi"      

Notizie storia design curiositÓ oggi ieri la tua prova
chi siamo       Eco itauto       dizionario       prima pagina       contattaci       confronti       concessionari

Ultima modifica: Lunedì 5 dicembre 2011

 

        Anteriore 9,5      3/4 Anteriore 8,0      Laterale 7,5      3/4 Posteriore 8,0       Posteriore 7,5      Plancia 9,0       Abitacolo 8,5  

                                                                                       Votazione Totale: 8,0+                                                                              

Maranello docet

 

Fluido e sportivo il frontale è allo stesso tempo semplice ed articolato. Si divide in tre fasce. Il paraurti basso, completamente in tinta carrozzeria con aperture dell’aria ad ampiezza decrescente verso i lati, che fanno tanto racing. Appoggiati sopra il paraurti stesso, ai lati troviamo le luci di posizioni, di svolta e fendinebbia, che non avvolgano la fiancata, ma ne sono racchiusi e protetti. I due piccoli complessi luminosi, sono collegati da un’intersa presa d’aria nera a tutta lunghezza in stile nido d’ape. Sopra ad essi ecco l’originale “cofango”. Il cofango è uno dei tanti elementi ripresi dal passato. Infatti non è un semplice cofano, perché comprende sia il cofano stesso, sia i parafanghi laterali.  Si presenta completamente liscio e notevolmente curvilineo rialzato ai lati dove risiedono le parabole fisse dei proiettori principali ( anabbaglianti e abbaglianti ), caratterizzate da una doppia gobba ed il materiale che risulta essere plexiglas trattato. Simula idealmente i fari a comparsa tanto in voga negli anni ottanta, senza averne in controparte i difetti aerodinamici e di costi. A nostro parere non convincono molto gli specchietti retrovisori laterali. Non tanto in sé stessi, che risultano apprezzabili per design ed originalità con la struttura portante nera che li taglia al centro sorreggendo il tutto. Piuttosto è l’integrazione con il contesto della vettura che non risulta coerente, apparendo come due elementi  estranei inseriti successivamente.  

Vista Anteriore


Votazione complessiva:

9,5

 

101

 

Ieri 1994

 

SPORTIVITA'

10,0

          

ELEGANZA

 9,0 

 

SIMPATIA

10,0

 


 

Oggi 2011

 

SPORTIVITA'

 9,5

 

ELEGANZA

 9,0

 

SIMPATIA

9,5

 

 

 

 

Dinamicità controllata

 

Sulla tre quarti anteriore due elementi emergono su tutti. Risalta in toto il cofango, mostrando in pieno l’originalità del suo essere. Aperto, spalanca alla vista l’intera meccanica, dal motore alle sospensioni, ai fanali stessi, che non sono collegati al cofano stesso, dato che ha due feritoie che vanno ad abbracciarli, una volta che il cofango viene richiuso. Interessante un altro elemento, ovvero i montanti anteriori, sottili come una sportivissima da competizione. Perfetti per un controllo totale sulle curve e i tornanti, aumentando considerevolmente, non solo il piacere di guida, ma anche la sicurezza. Si iniziano ad intravedere i complessi intrecci di tagli e curve presenti sulla fiancata.

 

 

Vista  3/4 Anteriore


Votazione complessiva:

8,0

 

101

 

 

Ieri 1994

 

SPORTIVITA'

9,0

          

ELEGANZA

8,0

 

SIMPATIA

9,0

 


 

Oggi 2011

 

SPORTIVITA'

8,0

 

ELEGANZA

 7,5

 

SIMPATIA

8,0

     

Lampi di sport

 

Il laterale è stata la carta del successo e del declino della vettura. A tanta originalità ha risposto un successo molto buono che con il tempo, dopo i primi due e tre anni, ha portato ad un crescente disinteresse, dato che la moda segue i suoi tempi. I tagli laterali sono la firma della fiancata. Se all’anteriore il notevole squarcio ha pretesa di sostegno del cofango, quello posteriore rappresenta esclusivamente un’esigenza stilistica, creando un parallelismo ottico con quello anteriore. Dicevamo, tagli originali, ma talmente anticonvenzionali che hanno portato la bella Coupé di casa Fiat degli anni novanta, a farsi adorare, oppure disprezzare. Qui la casa di Torino,ed il suo designer dell’epoca Chris Bangle, ha voluto stupire ovunque senza giocare la carta del classico che accontenta tutti senza accendere troppa emozione. A dire il vero un minimo di classicità si intravede nella formula, anche se abbozzata, dei tre volumi distinti. Originalità la troviamo anche sulla parte alta della carrozzeria, dove il montante centrale nero include la maniglia di apertura della portiera, ovvero la soluzione capostipite di quello che abbiamo visto dall’Alfa 147 in poi in tante vetture italiane e non.

 

Vista  Laterale


 

Votazione complessiva:

7,5

101

 

 

 

Ieri 1994

 

SPORTIVITA'

8,5 

          

ELEGANZA

 8,0 

 

SIMPATIA

7,5

 


 

Oggi 2011

 

SPORTIVITA'

7,5

 

ELEGANZA

 7,0

 

SIMPATIA

7,0

     

Grinta da famiglia

 

Sulla tre quarti posteriore emerge non solo l’animo sportivo della coupè italiana, ma anche tutta la sua praticità. Nonostante un corpo vettura contenuto ( ricordiamo che si basa sulla piattaforma della Fiat Tipo e la sua lunghezza totale è sotto i 430 cm ) si nota un bel bagagliaio capiente ed un’abitabilità non comuni per una sportiva. Tanto da farne certo una vettura corsaiola, ma allo stesso tempo una funzionale, senza troppi limiti e rinunce. Robusto e avvolgente il montante posteriore. Unità di spicco, che riprende anch’esso un richiamo storico, è il tappo del serbatoio cromato in stile auto da corsa dei bei tempi andati. Solo lui, rappresenta un elemento di design che merita di essere in una vetrina. Bellissimo.  Come affascinanti sono i cerchi in lega, sia nella prima versione che in quella successiva a quattro razze sottili. In entrambe le soluzioni riprendono visivamente in un certo qual modo i tagli presenti sulla fiancata.

 

Vista  3/4 Posteriore


 

Votazione complessiva:

8,0

101

 

 

 

Ieri 1994

 

SPORTIVITA'

 8,5 

          

ELEGANZA

 7,5 

 

SIMPATIA

8,5

 


 

Oggi 2011

 

SPORTIVITA'

8,0

 

ELEGANZA

 7,0

 

SIMPATIA

7,5

     

Muro di potenza

 

Baule alto, massiccio, che ben si integra su un fascione paraurti in tinta carrozzeria altrettanto imponente e voluminoso. Bellissima la soluzione scelta per la fanaleria posteriore. Anche in questo caso si è andati a pescare nel meglio delle soluzioni storiche italiane. Ai lati del baule due coppie di fari circolari notevolmente incassati richiamano certe coupè degli anni cinquanta e sessanta sia di casa Fiat che di Maranello. Belli, al pari del grintosissimo terminale di scarico cromato posto sullo spigolo sinistro del retro.

 

Vista Posteriore


 

Votazione complessiva:

7,5

101

 

 

 

Ieri 1994

 

SPORTIVITA'

 8,5 

          

ELEGANZA

 7,5 

 

SIMPATIA

8,0

 


 

Oggi 2011

 

SPORTIVITA'

 8,0

 

ELEGANZA

 7,0

 

SIMPATIA

7,5

     

Pronti al giro veloce

 

Unica bel suo genere la plancia della Fiat Coupè. Non a caso porta ben in evidenza al centro la firma di un grande del design mondiale, ovvero “Pininfarina”. Su tutto emerge la fascia metallica in tinta carrozzeria che da una portiera raggiunge l’altra portiera, passando dinanzi agli occupanti dell’abitacolo. Dentro di essa, incastonati come preziosi gioielli, quattro elementi circolari distinti rappresentano la strumentazione, semplice ed essenziale. Sotto di essi, sempre incastonata, risiede una barra delle spie. Poche distrazioni per il pilota, che deve gustarsi appieno il piacere della guida. La consolle centrale, larga ma non opprimente racchiude le tre classiche manopole del sistema di controllo dell’aria, oltre che l’autoradio. L’intera plancia ha un andamento sinuoso ed avvolgente, integrandosi alla perfezione con un abitacolo accogliente ed allo stesso tempo sportivo. Sul tunnel centrale, emerge un bel cambio in pelle, a portata perfetta per tutti coloro che amano sentire sempre il motore in tiro. Non all’altezza, a nostro avviso, le bocchette d’aerazione centrali. Rettangolari e plasticose mal abbinate ad un insieme ben fatto e morbido.

 

Vista Plancia


 

Votazione complessiva:

9,0

101

 

 

 

Ieri 1994

SPORTIVITA'

 10,0 

ELEGANZA

8,5

SIMPATIA

9,5

STRUMENTAZIONE

9,0

FINITURA

9,0


 

Oggi 2011

SPORTIVITA'

 9,5

ELEGANZA

 8,0

SIMPATIA

9,5

STRUMENTAZIONE

8,0

FINITURA

8,0

     

Sport in famiglia

 

Assetto basso e sedili a dir poco profilati ed avvolgenti. Un abitacolo ben fatto, dalla cura estetica eccellente, ma allo stesso tempo semplice e funzionale. Quattro posti tutto sommato veri su di una coupè vera, sportiva e veloce, non è merce diffusa. La qualità non manca, sia di assemblaggio  che di scelta dei materiali. Sia che i sedili siano in semplice e robusto tessuto che in morbida pelle ( di serie per altro sulle versioni Plus ), la Coupè non punta sul lusso, ma sulla comodità di una guida sportiva. Bellissimo il design delle portiere, con un tocco di eleganza storica come la fascia metallica che avvolge tutto l’abitacolo riprendendo la tinta della carrozzeria esterna.

 

Vista Abitacolo


 

Votazione complessiva:

8,5

101

 

 

 

Ieri 1994

 

SPORTIVITA'

 10,0 

ELEGANZA

 8,5 

SIMPATIA

8,5

FINITURA

9,0


 

Oggi 2011

 

SPORTIVITA'

9,5

ELEGANZA

 8,0

SIMPATIA

8,5

FINITURA

8,0

   

Cofango

La tecnica aperta alla passione.

 

 

 


Espressioni di storia

Nel solco della migliore tradizione sportiva nostrana, sia il tappo edl serbatoio che la fanaleria circolare posteriore.

 

 


Incassi nel metallo

Strumentazione circolare inserita all'interno della carrozzeria presnte in abitacolo.

 

 

 

120


116


i18

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

logo itauto2

www.itautoweb.it