logo1st1st10st13st20st25st36 


 Itautoweb

banner1


"La tua auto italiana dal 1993 ad oggi" 

134296367564580637695778894m1283130613441574

 

Notizie storia design curiositÓ oggi ieri la tua prova

chi siamo       eco itauto       dizionario       prima pagina       contattaci       confronti       concessionari

 


ECONOMIA


 

 

Fiat 500X e noleggio per privati, la convenienza c’è

( Novembre 2016)

 

Fiat 500X

La Fiat ci ha preso gusto visto che la risposta della clientela è stata molto più che lusinghiera già sulla simpatica 500 e sulla famiglia tutto fare Tipo. Ripropone attraverso la Leasys, azienda di noleggio all’interno del Gruppo finanziario FCA Bank, la possibilità di non acquistare ma solo noleggiare la stilosa suv compatta “500X”. La formula è la stessa BE-FREE. Studiata in modo specifico per i privati con una rata fissa senza sorprese di 269,00 euro comprensiva già dell’iva si entra in possesso di utilizzo della “1.3 Mjet 95cv Pop Star”. Nessun anticipo di versamento e 4 anni di rate, ovvero 48 mensilità. L’unico vincolo è il chilometraggio in questo arco temporale non superiore ai 60.000 km, ma per esigenze personali vi è comunque la possibilità dal tredicesimo mese di terminare il contratto di noleggio e riconsegnare la vettura. All’interno del canone vi sono voci di spesa delle quali il cliente non deve minimamente preoccuparsi quali: assicurazione RCA, bollo, sistema in infomobilità, assistenza stradale e la gestione da smartphone di tutti i servizi legati all'auto grazie a Leasys App. Con 100,00 euro in più mensili, si accede al programma BE-FREE PLUS, ovvero una soluzione a zero pensieri, visto che include, oltre agli aspetti già visti, voci quali assicurazione furto e incendio, riparazione dei danni e manutenzione ordinaria e straordinaria. In definitiva un sistema alternativo di usare un auto modaiola e funzionale, oltre che divertente e tecnologicamente avanzata, senza privarsi dal proprio conto di una somma comunque importante tutta insieme ed avendo la libertà quindi dopo poco più di un anno di cambiare mezzo senza oneri di vendita successivi.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 500 e Amazon

( Novembre 2016 )

 

 

Fiat 500L Trekking

Da questo mese di novembre FCA intraprende una partnership con il grande gruppo internazionale, leader nel commercio on-line, Amazon. Attraverso il sito in lingua nazionale Amazon.it, sarà possibile fare comodo shopping di Fiat Panda, 500, 500C e 500L dal salotto di casa propria. La scelta di queste quattro vetture è stata dettata dalla tipologia del cliente. Panda dal tre anni  a questa parte è l’auto più venduta a livello nazionale, mentre le 500, sono tipiche del giovane o comunque della famiglia giovanile pronta all’innovazione, ai cambiamenti che portano solidi vantaggi. Non che le vecchie abitudini siano da abbandonare, ma creare nuove possibilità è pur sempre utile. Il prezzo delle citate auto presenti sul portale Amazon.it sarà particolarmente invitante e soprattutto non preclude la possibilità di usufruire dei piani vantaggiosi di finanziamento di FCA Bank.

 

Fiat Panda 4x4

Le versioni disponibili attraverso l’e-commerce saranno particolarmente dotate di primo equipaggiamento e anche allestimenti speciali come le 500L Trekking e Panda 1.3Mjet 4x4. Tutte nei colori più amati dalla clientela. Oltre a ciò attraverso l’acquisto di un pacchetto di benvenuto pari a 180 euro si potrà accedere ad un servizio di assistenza privilegiato e completo dove sarà Amazon che contatterà il cliente e attraverso l’Autosalone più comodo lo seguirà nelle informazioni tecniche e procedure oltre alle tempistiche di consegna. Oltre all’acquisto della vettura stessa su Amazon.it, sarà possibile con Mopar l’acquisto on-line di accessori e prodotti del Gruppo FCA di merchandising come magliette, cappellini, zaini, orologi e tanto altro, a prezzi molto convenienti.

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lancia Ypsilon amore bergamasco

( Gennaio 2016 )


Lancia Ypsilon

Anche nella provincia di Bergamo nello scorso anno si è respirata aria di ripresa ed il settore automobilistico non ne è stato di meno. A livello nazionale si sono registrate il 15,7 % in più di vendite e nell’intera provincia lombarda quasi il 15 %. Nulla di particolare se non fosse che l’auto più venduta è si italiana di FCA, ma non è la piccola e popolare Fiat Panda,ma bensì la sua cugina più grossa, elegante e lussuosa della Lancia, ovvero la Ypsilon. Si conferma dopo il 2014, la più amata dai bergamaschi con ben 1345 nuovo acquirenti seguita al secondo posto proprio dalla più venduta sul mercato nazionale, cioè la Fiat Panda che ha conquistato 1127 nuovi clienti. Terza e quarta piazza per due Vw, rispettivamente la Golf con 1037 vendite e la Polo con 927. Bella, dal giusto prezzo, veramente chic ed unica tra le piccole, i bergamaschi noti per la loro solidità e concretezza, non amano il superfluo e sanno apprezzare il value for money, ma alla Lancia Ypsilon non hanno saputo resistere. Qualcosa chiede in più la raffinata Lancia, ma sa regalare molto in più.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 500 a 1500000

( Novembre 2015 )


Fiat 500

Dalla Polonia con furore ben 1.500.000 di volte. Tante sono le 500 prodotte da quell'estate di otto anni fa. Questa speciale, statisticamente parlando, status symbol da città è una 1.2i a benzina da 69 cavalli in allestimento base Pop, già ordinata da un appassionato d'oltre Alpi. Quindi volte 100.000 per più di 100 paesi, sparsi in tutti i continenti, ovviamente Europa come cardine, ma senza dimenticare le città metropolitane del Nord America, le grandi estensioni del sud America e dell'Africa e dell'estremo oriente. Non a caso solo 25 Fiat 500 su 100 sono state vendute nel Bel Paese. Probabilmente è la vettura nazionale più esterofila. E' una vera vettura mondiale. Migliorata sempre ma allo stesso tempo ininterrottamente uguale a se stessa. Questa affascinante city è divenuta la capostipite di un'intera famiglia di modelli. Dalle dirette derivate come l'elegantissima senza tempo cabrio “C” alle sportivissime dello “Scorpione”. Alle accresciute da famiglia “500L”, “500L Trekking” e “500L Living”, sino alla bellissima “500X”.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mercato FCA in Italia tre trimestri 2015

( Ottobre 2015 )


Siamo a tre quarti dell’anno 2015 ed il Gruppo FCA, anche a livello nazionale è cresciuto ancor più dell’andamento positivo del mercato. La Lancia, nonostante possa contare solo su due modelli con 43.669 immatricolazioni è cresciuta del 3,83%. Con 204 consegne, Ferrari ha fatto segnare un 4,08%. Ancor meglio ha fatto la casa milanese del “Biscione” che con 23.682 nuovi clienti il positivo è stato del 7,81%. Il Tridente è a doppia cifra, grazie infatti alle 1098 immatricolazioni ha avuto un più 10,69%. Ovviamente la parte del leone come numeri la fa la Fiat. Ben 249.882 vendite per un positivo del 14,29%. Strabiliante il progresso dell’americana Jeep, a ben tre cifre. Con 22.127 immatricolazioni ha avuto un incremento del 262,03%. Quindi FCA in Italia è aumentata del 17,49% rispetto ad un mercato nazionale che è cresciuto del 15,3%. Dunque la sua quota di mercato è passata dal 27,95% al 28,48%. Tra le prime 10 auto vendute in questo 2015, le prime cinque sono FCA. Fiat Panda, Fiat punto, Lancia Ypsilon, Fiat 500L e Fiat 500. Guardando nello specifico tra i diversi segmenti si riscontra che FCA nella categoria “A”, quello delle piccole city car FCA primeggia, come da sua tradizione con le sue piccole Fiat. Con più di 95.000 immatricolazioni la panda è regina indiscussa e le fa da damigella in seconda piazza la stilosa 500 tre porte con quasi 33.000 mila clienti. Salendo di categoria, “B” le cittadine utilitarie pronte ad ogni uso il podio è tutto FCA. Sopra le 40 mila immatricolazioni sia l’inossidabile Punto, che la raffinata Ypsilon che la versatile 500L. Nella to ten anche la bella e sportiva crossover 500X, quasi una segmento “C”, dove troviamo al terzo posto la Giulietta di casa Alfa e al quarto la Jeep Renegade. In attesa della nuovissima Giulia, saliamo al segmento delle ammiraglie “E” dove troviamo al nono posto la Maserati Ghibli, mentre nel segmento ancor più lussuoso “F”, la Quattroporte è settima e la California di Maranello nona. Interessante osservare che FCA è presente in ogni possibile categoria e carrozzeria, tranne in questo momento nelle versioni familiari. Nelle top ten di carrozzeria, nelle classiche berline FCA ha, come abbiamo già visto, le prime cinque posizioni cono le sue piccole. Tra le crossover è in quarta posizione con la nuova 500X, presentata appunto ad inizio anno ed in ottava con la sua cuginetta Renegade. Nelle fuoristrada sempre la Renegade mette al palo tutte le agguerritissime rivali con la 500X che è in quarta pozione. Vittoria schiacciante nella classe delle monovolumi piccole che con oltre 40 mila immatricolazioni vede la Fiat 500L distanziare di quais sei volte tanto la sua più vicina rivale, ovvero la Ford B-Max. Ancora vogliosa di dire la sua l’enorme Lancia Voyager, che tra le grandi monovolumi con 369 consegne è sesta. Le versatili multispazio hanno i primi due posti occupati dalle simpatiche e pratiche Fiat Qubo con oltre 5 mila immatricolazioni e Doblò con più di 3 mila che a sua volta più che doppia la terza in classifica che è la francese Partner della Peugeot. Tra scoperte notevole primo posto, praticamente da ciqnue anni della Fiat 500C che con 1801 clienti è tre volte superiore della seconda cabrio che è la simpatica Vw Maggiolino.

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FCA e mercato di giugno e semestrale

( Luglio 2015 )


Anche il mese di giugno vede una netta ripresa nel Vecchio Continente, con un segno di crescita a due cifre. Con oltre un milione e quattrocentomila vetture vendute nel sesto mese dell'anno in Europa il positivo rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso è stato del 14,8%. Nel primo semestre dell'anno in Europa ben 7.415.000 clienti hanno cambiato vettura, con un buon 8,2% di sviluppo rispetto ai primi sei mesi del 2014. In un trend di recupero, non solo FCA, è stata in linea, ma è andata ben oltre la media di crescita con un confortante più 17,7%, grazie alle 87.400 abbondanti immatricolazioni. Era da cinque anni e mezzo che il Gruppo Italiano non registrava una performance di questo livello. Non a caso a livello continentale FCA è passata da una quota del 6% al 6,2%. FCA anche nei maggiori paesi continentali, presi singolarmente, non solo è cresciuta, ma è andata ben oltre all'incremento del mercato interno. In Italia, ad esempio, dove è stata registrata una crescita del 14,4%, FCA è giunta al 20,1%. In Francia il mercato ha avuto un +15% e FCA addirittura un +22,8%. Medesimo discorso in Germania, dove su una media del +12,9%, FCA è stata più alta di 3 punti netti. Anche in Spagna, dove il mercato è salito molto con un +23,4%, FCA è giunta ad un ottimo + 26,2%. Considerando dunque il semestre gennaio-giugno con le sue oltre 472 mila immatricolazioni, non solo è cresciuta rispetto al 2014, ma è andata decisamente meglio del trend positivo del mercato, di quasi 4 punti e mezzo percentuali. Il marchio maggiore, ovvero Fiat con più di 66.000 vendite ha avuto un buonissimo +14,8%, mantenendo un 4,7% di quota continentale. A livello semestrale sono state 356.000 le vendite con un +9,6%. “500”, “Panda” e “500L” sono state leader indiscusse nelle proprie categorie. La stessa “500X” innovativa, attraente e raffinata, ma allo stesso tempo non certo una vettura da primo prezzo, ha fatto registrare con le sue oltre 7 mila e seicento immatricolazioni di giugno, un bel salto rispetto alle già buone 5 mila e settecento di maggio. Grazie alle notevoli doti di classe e simpatia della piccola “Ypsilon”, il brand congiunto Lancia e Chrysler ha mantenuto la sua posizione continentale e incrementato quella nazionale. Sono state 6.400 le immatricolazioni del brand in Europa a giugno e 36 mila nei primi sei mesi. Ad oggi Alfa Romeo, conta solo su Mito e Giulietta, modelli che hanno rispettivamente sette e cinque anni sulle spalle, ma nonostante ciò sono state 5.500 le vendite in Europa, con notevoli incrementi in casa come dimostra il suo +17,1% e addirittura uno strepitoso +31,7% in Austria. Il leggendario marchio, sinonimo di fuoristrada, Jeep, grazie alla piccola cuginetta “Renegade” con le sue oltre 8 mila e quattrocento vendite di giugno a livello europeo ha registrato rispetto al giugno 2014 un incredibile +176,3%. Ma è stato tutto il semestre ha parlare Jeep, con le sue 45 mila vendite ed un più 174,3% che è voluto dire una quota di mercato europeo, passata dallo 0,2% dell'anno scorso, allo 0,6% di oggi.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mercato delle auto italiane in Italia nel 2014

( Gennaio 2015 )

 

 

Fiat Panda

Un mercato, quello nazionale che stenta a decollare. Certo qualche timido segnale di incoraggiamento si è avuto, ma 55 mila vetture vendute in più rispetto all’anno precedente che fu un mezzo disastro, non è ovviamente un grande successo. Quanto meno si è interrotta l’emorragia di cali continui. Un incremento nazionale del 4,21% che ha visto 1.359.616 immatricolazioni contro il 1.304.648 dei dodici mesi precedenti. Come si son comportati i nostri marchi nazionali? Il brand maggiore, Fiat, ha confermato quanto di buono si era già intravisto l’anno prima, con un leggero aumento di vendite pari allo 0,78%.

 

 

Fiat 500L

Complessivamente ha comunque ridotto la sua penetrazione sul mercato che passa da una quota del 21,42% del 2013, al 20,71% del 2014. Lancia, che tranne la Ypsilon ha una Delta sul viale del tramonto, e Thema, Flavia e Voyager che si basano su uniche versioni praticamente su prenotazione, ha retto con un calo di appena il 2,74% facendo scendendere le proprie immatricolazioni dalle 57.045 avute nel 2013 alle attuali 55.483. Rimane in classifica comunque l’ottavo brand sulla penisola, mettendo alle sue spalle marchi esteri generici che annoverano tra le loro file svariati modelli.

 

Alfa Giulietta

Alfa Romeo è quella che ha sofferto maggiormente con un indebolimento piuttosto vistoso pari al 10,53%. Mito e Giulietta nonostante la loro valenza stilistica e tecnica e i  continui aggiornamenti, hanno rispettivamente sette e cinque anni sulle spalle. La bellissima 4C, fa molta immagine più che volumi di vendita vista anche la tiratura limitata. Grande performance del brand leggendario americano dei 4x4. Jeep ha confermato anche in casa nostra quanto di buono sta ottenendo in tutto il Mondo dove ha superato per il terzo anno di seguito la bellezza del milione di vendite. Se si pensa che è giunta a fine anno l’innovativa e conveniente Renegade, non ci si può che aspettare un 2015 pieno di soddisfazioni per la Jeep.

 

Lancia Ypsilon

Che ha quasi raddoppiato i numeri del 2013, passando dalle scorse 5.829 immatricolazioni alle attuali 11.334, portando la sua penetrazione italiana allo 0,83%; era lo 0,45% tredici mesi addietro. Il vero successo è però quello dei due marchi di lusso. Ghibli e Quattroporte hanno fatto la differenza facendo fare un balzo alla casa del tridente significativo sia in termini di volumi di vendita che di utili. Si è passati infatti dalle 258 immatricolazioni del 2013 alle 1.235 del 2014, ovvero quasi quadruplicando i suoi clienti nazionali. Interessante il confronto con Jaguar sua diretta concorrente che nonostante un leggero incremento rispetto allo scorso anno, cede il passo alla Maserati.

 

Maserati Ghibli

Anche Ferrari segna un buonissimo più 20,11%. In termini di vendite, la top ten del 2014 vede le cinque prime posizioni tutte italiane. La piccola, pratica e funzionale Fiat Panda è la leader indiscussa con 107.352 immatricolazioni, quasi doppiando la matura, ma sempre valida Fiat Punto a quota 57.157. Grande risultato per la Fiat 500L che tanto piccola non è, grazie al suo stile, la sua qualità abbinata alla versatilità ha convinto ben 51.256 italiani. Rubando di un soffio, ovvero 113 unità la terza piazza alla elegante cittadina di casa Lancia. Nonostante gli otto anni di vita commerciale, una enormità nel Mondo automobilistico, la simpatica e affascinante 500 di Fiat si prende la sua quinta posizione con 45.674 vendite. Per quanto concerne le categorie, sul settore delle fuoristrada, la Fiat si difende egregiamente con il grosso Freemont che rimane quasi sui livelli del precedente anno, guadagnandosi la quarta pozione con più di 4 mila clienti. Tra le monovolume cittadine, che da sole coprono il 7% del mercato, la Fiat 500L da sola vale più della metà della categoria. Tra le maxi monovolume la gigantesca sette posti italo – americana Voyager con 783 vendite migliora di 127 unità i dati del 2013, sfiorando di poco le prime due piazze. Nel settore delle pratiche multispazio che vogliono dire 1,3% del mercato, il simpatico, agile e capiente Qubo di Fiat è primo assoluto con 6.882 immatricolazioni, seguita dalla sorella più grande di casa, la Doblò che ha convinto 2.837 nuovi clienti. Altra nicchia che fa immagine, quella delle scoperte, vede una italiana su tutte, ovvero la raffinata ed attraente C della 500, che con le sue 2.668 immatricolazioni doppia la sua più prossima inseguitrice che è ancor più piccola, visto che è la due posti Smart. Se parliamo in termini di segmenti,, le italiane son sempre protagoniste, nonostante diversi modelli nostrani non siano freschissimi e debbano giocarsela con giovanissime e moderne rivali. Segmento A, quello delle utilitarie cittadine che copre il 18,4% del mercato nazionale, è dominato dalle due Fiat, Panda e 500, che nonostante la nutritissima e valida concorrenza, da sole coprono più del 58%del segmento. Salendo di quota, ovvero quello B, quello delle compatte cittadine, è da sempre territorio di caccia delle italiane. ╚ il più importante segmento nazionale, visto che da solo vuol dire ben il 41,8% del mercato. Fiat Punto, Fiat 500L e Lancia Ypsilon, si prendono i rispettivi podi, che corrispondono quasi il 30% del segmento. Il C è la categoria delle compatte medie dove la grintosa Alfa Giulietta si guadagna con forza e determinazione la terza piazza di fronte a tutte concorrenti molto, molto più giovani. Nel segmento D, le medie di famiglia fa guadagnare nuovamente il bronzo ad un modello italiano, anche se di derivazione americana. La fuoristrada Fiat Freemont, ha superato modelli tradizionalmente molto richiesti e vincenti in tutto il Mondo, come Audi A4, Range Evoque, Audi Q3, Toyota Rav4 e Vw Passat. Nel settore delle ammiraglie, oltre alla consolidata quarta piazza della americana di proprietà italiana Gran Cherokee di Jeep, con le sue 1042 immatricolazioni nazionali, vede la bellissima Maserati Ghibli salire sino all’ottava pozione, nonostante i suoi propulsori più accessibili siano di 3 litri. Le regine del mercato sono sul segmento F, dove coupè e ammiraglie di grande prestigio non risentono della crisi. La grande berlina Maserati Quattroporte con 133 immatricolazioni migliora la performance già buona dell’anno precedente, superando un mostro sacro come la Bmw 7, guadagnandosi meritatamente la settima pozione. Così come entra tra le top ten anche la Ferrari 458.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maserati a Los Angeles come vetrina di successo

( Novembre 2014 )


1864-maserati ghibli 13

Qual'è la novità del Tridente presso il salone statunitense di Los Angeles? La conferma di un brand che ha trovato la sua dimensione di successo nel segmento premium dove la storia ed il fascino del marchio non hanno mai perso appeal, ma negli anni una qualità non a livello delle prime della classe ne decretavano un risicato successo di vendita. Una gamma sempre più ricca ed articolata, giusta ed azzeccata, che riesce ad esaltare ogni minima sfumatura di classe sportiva della casa, sta portando il successo che la Maserati attendeva da tempo e merita da sempre. Ghibli e Quattroporte sono le due auto che fanno numeri e profitti notevoli. Qualità elevata, prestigio, potenza, stile ineguagliabile solo in Italia da gennaio ad ottobre hanno conquistato 1.105 nuovi clienti pari ad un aumento di oltre cinque volte rispetto ai primi dieci mesi del 2013. Non è, comunque, solo un fenomeno nazionale. Anzi. Nel resto d'Europa, se prendiamo i dati di Regno Unito, Germania, Francia, Svizzera, Paesi Bassi e Spagna, sempre nella prima decade mensile dell'anno in corso sono stati ben 4.642 i nuovi innamorati del marchio, che tradotto in crescita corrisponde ad un incremento di oltre il 340% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Quasi analoga performance è avvenuta in terra nord americana, dove addirittura 9.124 statunitensi nei primi tre trimestri di quest'anno hanno scelto di parcheggiare una Maserati nel loro box. In tutto il 2013, furono quasi 5 mila le immatricolazioni, un dato che era già in crescita rispetto al 2012. Azzeccata è stata la scelta di motorizzare le due super berline con il poderoso ma non assetato sei cilindri diesel. Performance di vendita di tutto rispetto, che ci si attende migliorino ulteriormente l'anno a venire visto il lancio della prima auto alta da terra del Tridente, ovvero la Levante, che diverrà il punto di riferimento per prestazioni ed eleganza mettendo in riga mostri sacri come Range Rover, Porsche Cayenne, Bmw X5, Audi Q7 o Mercedes GL e GLE. Senza dimenticare che una coupè affascinante di taglia inferiore alla GranTurismo prenderà vita dalla bellissima concept Alfieri, nel 2016. Una gamma completa di modelli alla conquista del globo automobilistico.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vendite globali di FCA al terzo trimestre 2014

(Novembre 2014)

 

Fiat ha fatto registrare al terzo trimestre 2014 una crescita dei ricavi del 14% a 23,6 miliardi di euro, con un utile di 900 milioni di euro, confermando le buone previsioni di inizio anno. Le immatricolazioni da parte di tutti brand sono pari, tra luglio, agosto e settembre, a 1.100.000 di vetture, con un incremento del 10%. Nonostante un Vecchio Continente che soffre la crisi, sono stati gli USA ed il Canada a permettere una performance positiva. In queste due nazioni la crescita è stata, infatti addirittura del 21%. Gli stessi ricavi nell'area Nafta, con i suoi oltre 13 miliardi di euro, sono aumentati del 2%. I risultati della zona del Sud e Centro America, non sono stati altrettanto buoni, ma comprensibili visti la crisi che attanaglia l'area. Con 202.000 nuovi clienti il calo è stato del 14%, che hanno portato a dei ricavi intorno ai 2,2 miliardi di euro traducibili in una perdita del 12%. Per un lato non positivo eccone uno che fa sorridere. In Asia con 66.000 vendite si è ottenuto un incremento del 25%. Nell'intera area Apac ( Asia e Pacifico ), i ricavi ottenuto ammontano a 1,6 miliardi di euro. Giungendo nel nostro continente, tra auto e commerciali sotto i 35 quintali, il terzo trimestre 2014 ha visto FCA consegnare quasi 220 mila veicoli, con un aumento del 3% rispetto allo stesso periodo del 2013. La stessa area Emea ( Europa, Medio Oriente e Africa ) grazie ai commerciali e al successo del brand Jeep, con oltre 4 miliardi di euro i ricavi sono cresciuti del 6%. Rimanendo nei territori nazionali, tutti marchi del Gruppo hanno avuto incrementi in questo ottobre 2014 rispetto a quanto avvenne nel 2013. Alfa Romeo, nonostante una gamma ancora tutta da ampliare e rinnovare, con 2489 immatricolazioni è cresciuta del 5,87%. La Ferrari con 15 nuove vetture vendute ha più che raddoppiato. La Fiat con 23.778 vendite è praticamente stabile, anche se di poco in crescita viste le 23.759 immatricolazioni del secondo trimestre 2013. Notevoli i numeri delle firme americane Jeep/Dodge, che con 1262 ha più che raddoppiato i suoi clienti che furono un anno fa 533. Buono anche il risultato della Lancia, che seppur spesso sottovalutata, con le sue 5.479 immatricolazioni è cresciuta del 18.85%. Ma il vero exploit è firmato “Tridente”. Maserati, grazie alle performance di vendita dell'affascinante “Ghibli”, ha più che triplicato le sue vendite. Sono state infatti 111 le belle Maserati consegnate ad ottobre in Italia, contro le 34 dello stesso mese del 2013. Complessivamente FCA in Italia ha aumentato ad ottobre le sue vendite del 5,88%. In Italia nel mese appena trascorso leader come sempre la indistruttibile Fiat Panda con quasi 10.000 immatricolazioni, precisamente 9.954. Ottimo risultato anche per l'elegante city di Lancia che con 4.960 nuovi clienti vede la Ypsilon aggiudicarsi la seconda piazza. Raffinata, versatile e simpatica, la famiglia 500L conquista con pieno merito il terzo gradino del podio grazie alle 4.281 consegne. Inossidabile da oltre un ventennio in quarta posizione, la compatta da città per antonomasia, ovvero la Fiat Punto con 3.701 immatricolazioni. La bellissima e unica Fiat 500, con 3.552 nuovi clienti è la settima vettura più venduta nel nostro paese ad ottobre.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FCA in crescita in tutta Europa

( Settembre 2014 )


In un mercato continentale che stenta nel decollare e tirarsi fuori da questa crisi che pare una palude di sabbie mobili, il gruppo FCA, segna un giugno e anche un semestre incoraggiante. Nel solo giugno FCA ha immatricolato in Europa oltre 74.000 modelli che corrispondono ad un progresso del 3,1% rispetto al mese precedente e addirittura del 6,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. A giugno dunque FCA ha raggiunto il 6% tondo come quota di mercato continentale. Il trend positivo è stato un po' generalizzato geograficamente, visto che in Italia le vendite sono aumentate del 3,1%, in Francia del 1,2%. Ma è soprattutto in Germania, Regno Unito e Spagna che si sono fatti numeri non indifferenti. Nel terreno di Audi, Bmw e Mercedes, che a visto il mercato locale diminuire del 1,9%, FCA ha avuto un incremento del 14,1%. Anche in terra britannica dove si è registrato un aumento del 6,2%, FCA ha migliorato di oltre 10 punti il positivo medio. Ancor più eclatante in terra iberica dove a fronte di un mercato cresciuto del 23,8%, FCA è cresciuta di quasi il 56%, ottenendo la ragguardevole quota di penetrazione del 5,4%. A livello europeo eccellenti le performance delle piccole italiche. L’intera gamma 500 che è tanto apprezzata in Italia, fa registrare un eccellente 62,4% di immatricolazioni proprio al di fuori dei confini. La stessa simpatica e versatile Panda, con le 13.500 immatricolazioni è leader europea del segmento A. La elegante piccolina del gruppo, la Lancia Ypsilon, in tutta Europa, a giugno ha aumentato del 14,1% le sue vendite rispetto al giugno del 2013, ma è molto confortante l’intero primo semestre 2014, che l’ha vista crescere complessivamente del 13,3%. Come logico attendersi, l’Alfa Romeo, che attualmente è sorretta solo da due modelli, è il brand che non incrementa le sue vendite, ma sarà già nel 2015 che avverrà la tanto attesa svolta per il marchio milanese. La leggendaria firma americana del 4x4, al contrario, solo a giugno ha ottenuto più di 3.000 nuovi clienti, che vuol dire ben il 62% di vendite in più se confrontate con il giugno 2013. Nei primi sei mesi di quest’anno con più di 16.000 immatricolazioni, il trend di crescita riporta un notevole 43,8%. La crisi è un concetto che le griffe di lusso italiane non conoscono ed infatti nel solo mese di giugno i due marchi prestigiosi emiliani, ovvero Maserati e Ferrari, hanno insieme conquistato 846 nuovi clienti che fanno nel totale semestrale dell'anno corrente la bellezza di 4.603 immatricolazioni.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 500L campionessa di vendite

( Febbraio 2014 )


La 500L non attrae solo noi italiani, ma anche il resto del continente. Nel 2013 nel suo segmento di appartenenza mese dopo mese ha superato tutte le avversarie guadagnandosi una quota del 17,2% che le ha permesso appunto di salire sul gradino più alto. Ancor più netto il consenso ottenuto in Italia, dato che sempre nel suo segmento è stata premiata con il 40,9% delle preferenze. Se prendiamo in considerazione le vetture medie e anche tra tutte quelle alimentate a gasolio, dalle piccole alle grosse, la 500L risulta nel nostro paese la più richiesta. Nonostante la sua indiscutibile funzionalità, è significativo il fatto che quasi la metà degli acquirenti la scelga negli allestimenti top di gamma, più costosi e più dotati. Non a caso la versione “Trekking”, modaiola tra le modaiole, oggi ha raggiunto e superato il 15% delle vendite delle 500L. La famiglia delle 500L è stata protagonista del miglioramento delle quote di mercato a livello europeo del brand Fiat, che ha raggiunto una quota del 4,7% con un significativo segno positivo 0,1% rispetto al 2012, che è molto tenendo presente la crisi che sta attanagliando il settore automobilistico e non solo. Tant'è che in Francia la Fiat ha avuto un buon 9,5% di vendite in più nel 2013 rispetto al 2012, così come nel Regno Unito ha registrato un incremento del 20,2% e addirittura del 28,8% in Spagna

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FCA: Fiat Chrysler Automobiles

( Gennaio 2014 )


Dopo sei anni di lavoro strutturale a livello organizzativo e finanziario, conclusosi con la proprietà totale della Chrysler, ecco nascere definitivamente il nuovo colosso automobilistico mondiale dal cuore e dalla testa italiana, ovvero: FCA: Fiat Chrysler Automobiles. Con essa hanno trovato casa le diversi sedi, quella fiscale nel Regno Unito, mentre quella legale in Olanda. Questo aspetto fa riflettere e non poco sulle condizioni lavorative del nostro paese. Probabilmente nasce la la più grande azienda italiana di sempre ( anche se negli anni duemila è logico ragionare in un'ottica globale e planetaria e non certo provinciale ), ma la stessa preferisce uscire da casa sua, perché? Tra la struttura legale italiana, lenta all'inverosimile e le contraddizioni fiscali, burocratiche e politiche che vigono da anni in Italia, una qualsiasi azienda anche estera, preferisce non impelagarsi in una rete che frena sviluppi e idee. Itautoweb, ama il suo paese, e lo vorrebbe sempre competitivo e ai vertici mondiali in ogni campo, ma di certo sono sotto gli occhi di tutti le difficoltà di ripresa morale e di governabilità che stiamo attraversando. Dal punto di vista produttivo i diversi stabilimenti nazionali non avranno che da gioire, dato che potranno contare, a breve, su nuovi modelli dal respiro internazionale, che quindi, si spera, possano rendere le linee a pieno regime. La borsa non ha ancora risposto positivamente alla nuova realtà, nonostante un bilancio aziendale 2013 positivo a livello globale. Ciò è dovuto anche alle previsioni della FCA che vedono un 2014 sulla falsariga del 2013, con un aumento di vendite di appena un 2-3%. Suddividendo le diverse aree geografiche commerciali, FCA prevede nella area “Emea” circa 1.000.000 di unità contro le 979.000 del 2013, 2.400.000 nell'area “Nafta” con un incremento di 160.000 unità rispetto al 2013, stabile sui 950.000 nell'area “America Latina”, mentre sulle 200.000 unità nell'area “Asia-Pacifico” rispetto alle 163.000 dell'anno appena terminato. Stime molto prudenziali quelle del nuovo gruppo, che non vede imminente una ripresa solida e duratura a livello planetario. Per quella, probabilmente, meglio rivolgersi all'anno successivo.

  

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat sale al 100% di Chrysler

( Gennaio 2014 )


Era dall'accordi siglato al principio cinque anni fa che si attendeva questo momento. Meglio il 2014 non poteva iniziare per la storica casa italiana di automobili. Con la copertura dell'ultima quota del 41,5% del capitale di Chrysler Group, il gruppo Fiat diviene un colosso a livello mondiale. Il 20 gennaio si concretizzeranno i passaggi di proprietà e la contropartita economica che ammonta a 3,65 miliardi di dollari. Una firma che rimarrà negli annali del mondo automobilistico ed una ventata di aria fresca che farà ri – partire tutta la programmazione industriale. E' stata, infatti, quella del 2013 una fase di limbo, dove tutto è stato congelato. I freddi numeri economici all'appassionato di automobili non scaldano il cuore, a differenza della presentazione di nuovi modelli attraenti ed intriganti. Saranno soprattutto Alfa Romeo, Fiat ed il leggendario marchio 4x4 statunitense Jeep, a beneficiare per prime della globalizzazione del Gruppo. Modelli come la tanto attesa “Giulia”, ovvero la berlina sportiva di classe medio alta, avranno un'accelerata per presentarsi al grande pubblico non solo europeo, ma anche americano ed asiatico.

 


arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio


Fiat 500X con noleggio Be-Free

Novembre 2016 ) 

Fiat Panda, 500 e 500L su Amazon.it

Novembre 2016 ) 

Lancia Ypsilon la più amata dai bergamaschi

( Gennaio 2016 ) 

Fiat 500 ad 1.500.000 dal 2007

( Novembre 2015 ) 

FCA sul mercato italiano gen-set 2015

( Ottobre 2015 ) 

FCA sul mercato continentale a giugno 2015

( Luglio 2015 ) 

Il mercato delle auto italiane in Italia nel 2014

( Gennaio 2015 ) 

Maserati a Los Angeles 2014 come vetrina di successi

( Novembre 2014 ) 

FCA nel mondo al terzo trimestre 2014

( Novembre 2014 ) 

FCA in crescita in tutta Europa

( Settembre 2014 )  

Fiat 500L campionessa di vendite anche in Europa

( Febbraio 2014 )

FCA: Fiat Chrysler Automobiles

( Gennaio 2014 )  

Fiat sale al 100% di Chrysler

( Gennaio 2014 )  

Notizie Economiche 2010-2013

Dicembre 2013 )  

 
     
  

logo itauto2

www.itautoweb.it