logo1st1st10st13st20st25st36 


 Itautoweb

banner1


"La tua auto italiana dal 1993 ad oggi" 

134296367564580637695778894m1283130613441574

 

Notizie storia design curiositÓ oggi ieri la tua prova

chi siamo       eco itauto       dizionario       prima pagina       contattaci       confronti       concessionari

 


ECONOMIA


 

Alfa Stelvio piace in Europa

( Giugno 2018 )

 

 

Alfa Stelvio

Con più di 10.600 immatricolazioni a livello continentale in questo primo quadrimestre, la bella e grintosa suv milanese sta raccogliendo ottimi consensi e non solo dagli estimatori nazionali. Non a caso, oltre la metà degli acquirenti sono oltre le Alpi. Un dato confortante che esprime solamente il potenziale di questo riuscito modello del “Biscione”. Le sue concorrenti a livello europeo come l’Audi Q5 o Bmw X3 la distanziano, ma non è una mancanza della Stelvio. Più performante, tecnologicamente paritaria, dagli ottimi costi di gestione e dalle linee obiettivamente affascinanti, sa donare un piacere di guida da sportiva sconosciuto a qualunque rivale giocandosela alla pari con un mostro sacro qual’è la Porsche Macan. Il tempo e la pazienza oltre ad un accrescimento del valore intrinseco del brand, a nostro parere saranno determinanti per un vero successo commerciale. Quando in gioco vi sono cifre che partono dai 40.000 euro in su, non valgono solo i contenuti, ma molto il blasone che ricade sul cliente. A certe cifre l’auto non è più un freddo mezzo di trasporto, ma diviene un alter ego di noi stessi, un biglietto da visita che anticipa quello che noi siamo o vogliamo mostrare di essere. Uno status symbol non lo si crea in un giorno. I famigerati marchi premium tedeschi o anche britannici, hanno saputo nella storia evolversi e accrescere la loro fama. Alfa Romeo dovrà in questi anni fare lo stesso e con dei bei modelli come lo sono oggi Giula e Stelvio che nulla hanno da invidiare alle migliori antagoniste, non potrà che aumentare la sua schiera di estimatori. Che in tempi addietro si sono anche persi per una cura del prodotto e del marchio non certo all’altezza della storia della casa di Arese. Stelvio piace a livello globale, ma potrà dare molto di più, tenendola aggiornata costantemente in base anche alle richieste del mercato.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vendite in Europa Alfa e Jeep sugli scudi

( Maggio 2018 )


Alfa Stelvio

La guerra politica, a nostro avviso ingiustificato e senza veri obbiettivi ambientalisti, sta portando nel Vecchio Continente, ad un sempre più abbandono dell’efficiente, robusto e parsimonioso propulsore “Diesel”. Il mercato Europeo comprensivo anche di Svizzera, Norvegia e l’isola Islandese, ha visto questo aprile guadagnare quasi il 10% rispetto al medesimo mese dell’anno scorso nelle vendite di automobili con un immatricolato pari a 1.348.659. Con una media di crescita del 9,6% tutti i paesi hanno visto aumenti, anche se molto diversi, visto che Spagna e Regno unito hanno segnato incrementi a doppia cifra e l’Italia solo il 6,5%. Molto cambia se si prende in considerazione l’intero primo quadrimestre 2018. La Germania ha registrato un più 5%, seguita dalla Francia con +4,4%, con una Spagna che vola con un +11% e il Bel Paese che veleggia in un limbo con +0,2%, contro una media continentale pari a 2,6%. C’è comunque chi non se la ride molto come il Regno Unito con critico -8,8%, fanalino di coda europeo.

 

Jeep Compass

Dicevamo del diesel, ebbene nei primi quattro mesi ha perso un 17,1% sull’immatricolato a favore ovviamente del benzina. Il Regno unito è quello che sta bocciando sempre più questa alimentazione con un calo del 33,3%, anche se ovunque si segue questa tendenza, dal -21,3% tedesco, al -17,3 spagnolo, al -11,9% francese. L’Italia una delle ultime roccaforti del gasolio, nonostante sia la patria anche dell’alimentazione a gas tra gpl e metano, segna un calo del diesel pari a 2,6%. Nel Gruppo FCA, notevoli i successi di due brand premium,quali l’americana “Jeep” e la milanese “Alfa Romeo”. Aprile il leggendario fondatore del 4x4 ha avuto una crescita del 75% e non certo perché il dato precedente fosse basso, ma perché si fa sentire l’effetto della media compatta “Compass”. Prendendo in riferimento il gennaio – aprile 2018 sempre Jeep al comando con +58%. Ottimo anche il risultato del “Biscione” con +13,2% e qui è la grintosa ed affascinante suv “Stelvio” a trainare il brand lombardo. Purtroppo è invece la Lancia ha risentire di un’assenza assoluta di una gamma e di un solo mercato di vendita, ovvero quello nazionale. Nel primo quadrimestre c’è stato un calo del 34%, ma anche la capogruppo Fiat ha segnato un negativo -8,4%, in buona compagnia visto che Nissan ha chiuso con un -7,7% e Land Rover con -16,6%. Se si vuol crescere servono buoni prodotti e continui aggiornamenti visto che la concorrenza oltre ad essere sempre più numerosa, non si culla mai sui buoni risultati, ma sforna continue proposte.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio alla prima di “Auto China 2018”

( Maggio 2018 )


Alfa Stelvio

Dal 25 aprile al 4 maggio si svolge il Salone dell’Auto cinese, che è divenuto una delle rassegne più importanti a livello mondiale grazie ad un mercato sempre in ampliamento e con numeri importantissimi, specie nell’alto di gamma. A tal proposito non poteva mancare la regina delle suv premium italiane, la già famosa Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, biglietto da visita del brand milanese insieme alla sua sorella bassa Giulia. Con la presentazione della cattiva e potentissima Quadrifoglio, la Cina diviene ufficialmente un mercato obbiettivo del “Biscione” con Giulia e Stelvio nella loro gamma non solo dai Quattro petali.

 

Alfa Stelvio

Niente diesel per la berlina e per la suv ma i potenti ed efficienti 2.0 litri sovralimentati da 200 e 280 cavalli, capaci di regalare emozioni e tanto confort senza chiedere nulla di troppo in cambio al momento del rifornimento. Ovviamente per la Stelvio onnipresente la trazione integrale “Q4” che nulla toglie al piacere di guida ma rende ancor più versatile, specie nelle stagioni invernali, l’affascinate Alfa a ruote alte. Le due più recenti creature della casa avranno il compito di essere la chiave di accesso del lusso italiano dopo Maserati e Ferrari, dove il piacere di guida, il design raffinato e ricco di personalità sia nelle linee esterne che nell’abitacolo distinguono i nostri modelli da tutti gli altri.

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 124 Spider, la cabrio più ambita

( Maggio 2018 )


 

Fiat 124 Spider

Lo si sa che spesso l’acquisto di un’automobile è legato ad un impeto emotivo e non per un freddo calcolo irrazionale. Ciò accade specialmente per quelle categorie di vetture nate con lo scopo di divertire, coinvolgere e appassionare tanto durante il viaggio quanto da ferme. Se si pensa alla stagione estiva, al caldo e alle spiagge la prima tipologia di auto che viene naturale associare è una scoperta, concepita appositamente per far assaporare ogni chilometro sotto il sole. A livello continentale la raffinata, elegante e scattante due posti scoperta di casa Fiat è tra le scoperte più gettonate negli ultimi due mesi. Ma è a livello nazionale che la Fiat 124 Spider mette al palo tutte le altre scoperte, piccole, economiche o prestigiose e costose. In un complessivo 0,5% del mercato totale, nei primi tre mesi dell’anno sono state 376 le 124 Spider di Fiat immatricolate su un totale di 2647 tra cabrio e spider, quindi circa il 14% delle scoperte sono di questa elegante e briosa due posti torinese.

 

Fiat 124 Spider

Interessante notare che la seconda a cielo aperto venduta in Italia è la Smart For Two con 32 consegne in meno. Ben più lontana la terza in classifica, ovvero la Mini che si è aggiudicata in questo primo trimestre dell’anno 232 clienti. A seguire dal quarto posto sino al decimo troviamo l’Audi A3, la cugina giapponese di nascita Mazda Mx5, Audi A5, Mercedes E, la sorella cattiva italiana Abarth 124, VW Maggiolino per finire con la Mercedes C. Bella da guardare, da toccare per la sua qualità, ma soprattutto da guidare. Agile, veloce, scattante, dal prezzo equilibrato e dai costi di gestione inaspettatamente bassi ha un solo unico limite, che si possa gustare solamente in due persone.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Maserati alla conquista della Piazza Rossa

( Settembre 2017 )

 

Maserati Levante

Da gennaio a luglio di questo anno all’ombra del Cremlino il Tridente ha fatto breccia. Sono state 242 le Maserati vendute nello stato della Russia, che possono fare quasi sorridere come quantitativo preso a se stante, ma se confrontato con le 26 immatricolazioni tra gennaio e luglio 2016 fanno capire la crescita d’interesse del brand. Un marchio non certo popolare per blasone, prestigio e prezzi, ovviamente. A farla da padrone nell’impennata d’interesse è stata l’ultima arrivata in famiglia, ovvero la potente suv da famiglia “Levante”, giunta nel secondo trimestre 2016 sul mercato sovietico. Sul totale infatti immatricolato sono state ben 227 le “Levante”, con soli 10 acquirenti della berlina sportiva “Ghibli” e 5 dell’ammiraglia di lusso “Quattroporte”.

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mercato in crescita anche al mare, con FCA leader

( Settembre 2017)

 

Alfa Stelvio

Un agosto insolito per il mercato delle auto italiane. Solitamente molto in vacanza, rispetto al medesimo mese di riposo dello scorso anno si è registrata un aumento delle vendite del 15,77% corrispondenti a ben 83.363 vetture, 11.357 in più sempre nel confronto con l’agosto 2016. Il valore assume ancora più rilevanza se si tiene presente che questo buon segno positivo non è avvenuto come recupero ad un periodo di calo. Tutt’altro, visto che lo stesso luglio ha segnato un buonissimo +6,23% rispetto al luglio scorso. Un valore su tutti certifica l’importanza di questo ottavo mese visto che era dal 2009 che non si vendevano questa quota di automobili. Ma le circa 85.000 erano anche “drogate” dal periodo degli incentivi che come è risaputo falsano notevolmente l’andamento lineare del mercato. Il tutto mostra un mercato abbastanza in salute visto che dall’inizio dell’anno nei primi otto mesi sono state 1.366.389 le targate con un progresso di 113.768 auto che in termini percentuali si riporta ad un più 9,08%. In linea con questa positività il Gruppo FCA. Nel solo mese di riferimineto di agosto con circa 24.000 vetture la crescita è stata del 15,6% mantenendo una quota sul mercato nazionale del 28,8%. Ancora meglio il prodotto nostrano è andato nell’arco dell’anno. A due terzi del 2017 sfiorando le 398.000 immatricolazioni il progresso è stato del 9,4% raggiungendo una quota di mercato nazionale del 29,1%. Nei primi dieci modelli nazionali agosto rispecchia l’anno con non solo il podio tricolore con Fiat Panda prima, Fiat Tipo seconda e Lancia Ypsilon terza, ma altri quattro modelli di casa nostra tra il 1quarto ed il decimo posto tra le vetture più richieste; sono Fiat 500L, 500, Punto e 500X. Considerevole anche il valore aggiunto dei brand più prestigiosi. Alfa Romeo, grazie soprattutto all’affascinante Stelvio rispetto all’agosto scorso ha visto segnare un buonissimo 35,6% di aumento, così come il leggendario marchio dei fuoristrada “Jeep”, grazie alla nuova Compass ha segnato un più 22,8%.

 

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fiat 500 2007 a 2.000.000

( Luglio 2017 )

 

Fiat 500 S

Mito, leggenda, favola o forse meglio definirla un’eterna e avvincente saga. La 500 ha compiuto sessant’anni il 4 luglio scorso ed in questi giorni dalle linee di montaggio ha preso vita la due milionesima 500 da quando è rinata a nuova vita dal 2007. In dieci anni 2.000.000 di nuovissime “500”. Dal 1957 la antesignana sino al 1975 quando fu sostituita dalla “126” superò già la ragguardevole quota di 4.000.000 di esemplari. Stiamo parlando di 6.000.000 di Fiat “500” che hanno e buonissima parte, anche di quelle più attempate, girano ancora il Mondo intero. Perché il fenomeno non è certamente stato solo nazionale, divenendo un’icona del vivere allegro, passionale e pratico dell’italiano, spesso invidiato anche da chi fa della perfezione una base culturale imprescindibile. Sarà un coincidenza che questa speciale 2 milionesima “500” sia stata prodotta per una giovane insegnante d’asilo di Monaco, di nome Melanie. Una ecologissima e performante 0.9 TwinAir sovralimentata da ben 105cv in allestimento sportivo S dalla tinta Rosso Passione, oltre tutto ben allestita. Altra casualità del fatto che dal 2007 il 10% delle 2.000.000 di “500” prodotte sono andate proprio in Germania. Infatto in questi dieci anni di nuova edizione ben l’80% ha superato i confini del Bel Paese. E la Germania, terreno molto esigente, ha reputato sin da subito la piccola e raffinata cittadina la migliore vettura della categoria. Un successo industriale come d’arte e di sentimento, la “500” parla italiano.

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FCA e cambi automatici

( Maggio 2017)

 

FCA e cambi automatici

Negli anni novanta, ma anche solo dieci anni fa era impensabile un mercato così ampio di trasmissioni automatiche in Europa, ma anche qui nel Bel Paese. In tutti segmenti la clientela cerca questa soluzione per diversi aspetti. E’ un sistema che nasce per privilegiare il comfort sottraendo il conducente dal gravoso compito delle cambiate e dallo sforzo, talvolta impegnativo, dei chili di pressione che la gamba deve esercitare sul pedale della frizione. Dal segmento C in su la richiesta di questo optional cresce proporzionalmente, divenendo in alcuni casi l’unica scelta possibile. FCA non solo si è adeguata ai tempi ma con i nuovi modelli è divenuta una casa di riferimento. Dalla piccola e pratica per antonomasia “Panda” alle sportive e confortevoli “Giulia” e “Stelvio”, per non parlare delle GT del Tridente e delle corsaiole di Maranello ovunque vi è la possibilità di guidare senza sprecare energie nelle cambiate. Ma c’è modo e modo di farlo perché ogni cliente si sceglie il suo vestito che meglio lo calzi. FCA propone quattro cambi automatici. Si parte con un semplice Aisin a 6 rapporti con innesti rapidissimi e veloci eccellente per le sportive Abarth e Fiat 124, per salire con un diffuso ZF a 8 velocità. Tale scelta si può definire il cambio universale appropriato sia per vetture a trazione anteriore, che posteriore ed integrale. In grado con la giusta calibrazione di essere idoneo al massimo comfort dell’ammiraglia delle Jeep, la  Cherokee come la greadevolezza veloce delle affascinanti Giulia e Stelvio. Queste due opzioni  sono dovute a fornitori esterni dai quali FCA  ne affina alle proprie esigenze. In partnership con ZF e costruito in USA presso le linee in Indiana vi è anche un confortevolissimo ZF a ben 9 rapporti perfetto per gestire la giusta coppia anche nell’utilizzo fuoristradistico delle Jeep Renegade e Fiat 500X a trazione integrale. Completamente FCA, costruito in provincia di Biella lo sportivo doppia frizione che sa essere docile e gradevole nella Fiat Tipo da famiglia come perfetto nella sua declinazione graffiante della grintosa Giulietta, Mito e 4C.

 

 

 

arrow_01_up__bg#bd2227

Torna all'archivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio


Mercato in crescita anche ad agosto.

Settembre 2017 ) 

Notizie Economiche 2014-2016

( Novembre 2016 )  

Notizie Economiche 2010-2013

Dicembre 2013 )  

 
     
  

logo itauto2

www.itautoweb.it