logo1st1st10st13st20st25st36


 Itautoweb
banner1

134 296 367 564 580 637 670 695 778 894 m1283 1298p 1306  1344 1574 

"La tua auto italiana dal 1993 ad oggi"      

Notizie storia design curiositÓ oggi ieri la tua prova
chi siamo       Eco itauto       dizionario       prima pagina       contattaci       confronti       concessionari

Ultima modifica: Sabato 4 maggio 2013

 

        Anteriore 8,0      3/4 Anteriore 7/8      Laterale 8,0      3/4 Posteriore 8,0       Posteriore 8+      Plancia 7+       Abitacolo 7,0  

                                                                                       Votazione Totale: 7/8                                                                              

 

Aggressivamente Alfa

 

E' senza dubbio di un'altra epoca, dove i tagli e le linee dominavano su tutto. Oltre tutto la tecnologia non permetteva tra gli anni ottanta e i novanta, certe plasmature delle lamiere che oggi sono di normale amministrazione. Nonostante la non più giovane età e ben tre vetture che l'hanno sostituita, il frontale della 33 è di indubbio carattere sportivo. Il cofano è lineare ma tende alla classica freccia verso la calandra cromata centrale, affiancata da due prese d'aria in tinta che conferiscono forza ai due fanali trapezoidali. A loro volta, in trasparente le frecce fanno da raccordo tra frontale e fiancata. Ancor più lineare il paraurti che tende a rientrare verso la vettura nel suo discendere. Ancora presente, la fascia superiore in plastica nera che comunque non sta per nulla male, anzi regala ancor più carattere e forza. Molto ben confezionati anche i grandi retrovisori laterali esterni che negli allestimenti più dotati erano totalmente in tinta carrozzeria. Dove l'età non si nasconde è nei tergicristalli che in stato di riposo, non sono per nulla celati dal cofano motore. Tutt'altro, visto che son ben presenti in ogni momento sul parabrezza, privi anche di ogni forma di carenatura, quindi non bellissimi da vedere e ben poco favorevole all'aerodinamica.

Vista Anteriore


Votazione complessiva:

8,0

 

101

 

Ieri 1993

 

SPORTIVITA'

9,0

          

ELEGANZA

 8,0 

 

SIMPATIA

8,0

 


 

Oggi 2013

 

SPORTIVITA'

8,5

 

ELEGANZA

 7,0

 

SIMPATIA

7,5

 

 

 

 

 

Spigolosamente sportiva

 

La linearità trovata sul frontale è il principio del suo diktat di fiancata. Guardandola da quest'ottica, la 33, pare prendere slancio dall'asfalto per alzarsi come un muro sulla coda. In tanta spigolosità, solo le ruote ed i corrispettivi passaruota curvilinei, ne addolciscono l'insieme. Nelle versioni più grintosi, come le “16v”, le “P4” o “Imola”, dettagli come i cerchi in lega, le minigonne in tinta, gli specchietti in tinta o lo spoiler in coda aiutano ad amplificare maggiormente l'idea del cuneo. Esaltata dal contrasto tra il paracolpi laterale in plastica nera che si sviluppa quasi parallelo all'asse della strada, ed il taglio superiore che sorregge le due ampie finestrature delle portiere.

 

Vista  3/4 Anteriore


Votazione complessiva:

7/8

 

101

 

 

Ieri 1993

 

SPORTIVITA'

8,5

          

ELEGANZA

8,0

 

SIMPATIA

8,5

 


 

Oggi 2013

 

SPORTIVITA'

7,0

 

ELEGANZA

 7,0

 

SIMPATIA

7,5

     

 

Lifting riuscito

 

Partiamo con il dire che il corpo centrale della vettura, il giro porta, è quello identico della prima versione dell’Alfa Romeo 33, datata 1983. Oggi che scriviamo siamo nel 2013, vuol dire che questo settore della vettura ha ben 30 anni sulle spalle, con idee, stili, concezioni estetiche completamente stravolti rispetto ai canoni moderni. Eppure l’edizione degli anni novanta, con il sapiente rimodellamento sia dell’avantreno che della coda, hanno reso più grintoso l’insieme ed anche più elegante. Proporzionato il gioco dei volumi tra il paraurti anteriore e quello posteriore senza sbalzi eccessivi che allunga visivamente la vettura ben più della sua stazza effettiva che è di appena 414 cm, poco più di una Fiat Punto attuale. Ampi i due finestrini delle portiere, con il finto deflettore posteriore che si riaggancia storicamente ai precedenti modelli di Arese come la Giulietta degli anni settanta e ottanta, o la 75 degli anni ottanta e novanta, per non dimenticare l’Alfasud degli anni settanta. Interessante soluzione per la freccia laterale incastonata nel paracolpi in plastica scura. Decisamente riuscita la coda con il taglio centrale della vettura che dalla linea dei finestrini si prolunga sino al baule che sostiene il forte montante, che sprigiona una solidità d’insieme notevole.

 

 

Vista  Laterale


 

Votazione complessiva:

8,0

101

 

 

 

Ieri 1993

 

SPORTIVITA'

8,5 

          

ELEGANZA

 8,0 

 

SIMPATIA

8,5

 


 

Oggi 2013

 

SPORTIVITA'

8,0

 

ELEGANZA

 7,5

 

SIMPATIA

8,0

     

 

Spinge con forza

 

L’andamento a cuneo da questa angolazione appare ancor più evidente. Il posteriore si unisce alla fiancata con spigolosa sportività. La coda presenta un accenno di baule donando un pizzico di eleganza, ma in effetti la 33 rimane una due volumi quasi e mezzo con portellone pratico. Il montante massiccio pare spingere la vettura come una trazione posteriore verso il frontale, dando in regalo dinamicità anche da ferma. Intrigante il modo con il quale la linea del piccolo baule si fonde con il montante stesso, intersecandosi con personalità. Nonostante l’assenza di curve, il tre quarti posteriore non presenta gli anni che effettivamente il design ha.

 

Vista  3/4 Posteriore


 

Votazione complessiva:

8,0

101

 

 

 

Ieri 1993

 

SPORTIVITA'

 8,5 

          

ELEGANZA

8,0 

 

SIMPATIA

8,0

 


 

Oggi 2013

 

SPORTIVITA'

8,0

 

ELEGANZA

 7,5

 

SIMPATIA

8,0

     

 

La piccola ammiraglia

 

Di esemplare semplicità ma non priva di carattere la vista posteriore enfatizza l’equilibrio sportivo della atletica compatta. Tutto si sviluppa su quattro piani orizzontali. Dal basso, ecco che si parte con il massiccio paraurti semi in tinta con la carrozzeria, con la classica modanatura protettiva in nero tanto in voga in quel periodo. La parte del fondo del paraurti stesso ha un accenno di grintoso spoiler con l’adeguata feritoia per il terminale di scarico. Sopra il paraurti troviamo una fascia di carrozzeria piana tranne il solco centrale trapezoidale che funge da spazio porta targa, sopra il quale in tutta larghezza si sviluppa una fascia rossa che collega i due piccoli proiettori laterali celandoli quasi alla vista. Soluzione, questa, ripresa dall’ammiraglia di quegli anni, la 164, rinforzando il family feeling. Una parte di carrozzeria sopra tale fascia sorregge il piccolo accenno di baule, dove risiedono sia il logo centrale della casa, che i dati identificativi del modello posti sul lato. Molto attraente, dove previsto, il tagliente spoiler, sportivo, ma non eccessivo e sgraziato.

 

Vista Posteriore


 

Votazione complessiva:

8+

101

 

 

 

Ieri 1993

 

SPORTIVITA'

 9,0 

          

ELEGANZA

8,5

 

SIMPATIA

8,5

 


 

Oggi 2013

 

SPORTIVITA'

8,0

 

ELEGANZA

 8,0

 

SIMPATIA

8,0

     

 

Gli anni della tradizione

 

Gli anni son più difficili da mascherare in plancia. La plastica non eccelsa non regala soddisfazioni visive e nemmeno tattili se per questo, tuttavia la tradizione della casa di Arese non viene certo a mancare. Grande palpebra curvilinea che racchiude una semplice strumentazione dove due indicatori principali esterni ( tachimetro e contagiri ) la fanno da padrona. Circolarità che viene ripresa pari pari sulle cinque bocchette tondeggianti dell’aria con le tre centrali poste sulla consolle centrale. Soprattutto queste riprendono gli stilemi del “Biscione”. A dir poco semplici i comandi dell’aria, che mostrano tutte le rughe del tempo. Più piacevole il volante a tre razze in tipico spirito sportivo, anche se la corona presenta un diametro un poco troppo ampio.

 

Vista Plancia


 

Votazione complessiva:

7+

101

 

 

 

Ieri 1993

SPORTIVITA'

 8,0 

ELEGANZA

7,0

SIMPATIA

7,5

STRUMENTAZIONE

8,0

FINITURA

7,5


 

Oggi 2013

SPORTIVITA'

 7,0

ELEGANZA

 6,0

SIMPATIA

6,5

STRUMENTAZIONE

7,5

FINITURA

6,5

     

 

Solo per veri sportivi

 

Nulla di elegante o eccessivamente pretenzioso. Nell’abitacolo emerge ancora il vecchio spirito Alfa dove si mirava a soddisfare in pieno le richieste del cliente sportivo, trascurando coloro che non vogliono rinunciare al lusso. Infatti solo successivamente o nei modelli di categoria più elevata come la 155 o la 164, certe attenzioni e raffinatezze trovarono spazio. La 33 non colpiva al suo interno se non per i sedili comunque ben profilati e molto contenitivi, decisamente con un carattere sportivo che nelle rivali non si trovava e inaspettati per una berlinetta a cinque posti da famiglia.

 

Vista Abitacolo


 

Votazione complessiva:

7,0

101

 

 

 

Ieri 1993

 

SPORTIVITA'

 7,5 

ELEGANZA

6,5

SIMPATIA

7,5

FINITURA

7,5


 

Oggi 2013

 

SPORTIVITA'

7,0

ELEGANZA

 6,0

SIMPATIA

7,0

FINITURA

7,0

   

 

Musetto

Musetto simpatico ed aggressivo, con il tipico carattere di Arese

 

 


Coda

Coda alta e massiccia, robusta e imponente.

 

120

 


 

120

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

logo itauto2

www.itautoweb.it